Anp: avvenimenti in Libia sono un ‘affare interno’

 

Ramallah – InfoPal. Abu Rudayna, portavoce della presidenza dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), ha relegato al rango di “affari interni” sia le manifestazioni popolari che stanno avendo luogo in Libia – e che chiedono le dimissioni del colonnello Mu'ammar al-Qaddafi (Gheddafi) – sia l'uso dell'artiglieria aerea contro i manifestanti.

A queste parole, espresse in una breve dichiarazione pubblicata oggi dall'agenzia stampa dell'Anp, il portavoce ha quindi aggiunto: “Auguriamo al popolo libico di ottenere la sicurezza interna, la stabilità e la pace”. Ha poi raccomandato ai palestinesi in Libia di non immischiarsi negli affari interni del paese nordafricano.

Sono circa 70mila i palestinesi che attualmente risiedono in Libia, molti dei quali sono rifugiati che hanno trovato lavoro lì. La maggior parte proveniente dalla Striscia di Gaza.

A tal proposito, l'assistente del ministro degli Esteri di Ramallah, esperto in questioni arabe ed ambasciatore, Taysir Jaradat, ha assicurato che la comunità palestinese è tuttora incolume, mentre il ministero sta lavorando in collaborazione con l'ambasciata per far tornare in patria gli studenti palestinesi che studiano nelle università di Tripoli, Bengasi e Misrata.

In una precedente dichiarazione mandata in onda dalla Tv palestinese, il presidente dell'Ente pubblico per gli affari civili, Husayn ash-Shaykh, aveva già garantito che l'Anp era intenta a seguire le condizioni dei palestinesi in Libia fin dall'inizio delle rivolte, precisando: “La dirigenza [palestinese] ha chiesto a diverse istituzioni, arabe e non, di fare pressioni su Israele perché permetta immediatamente l'ingresso nei Territori Palestinesi dei cittadini residenti in Libia, e d'ignorare il fatto che la maggior parte di loro non posseggono carte d'identità palestinesi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.