Anp: nel 2011 la maggior parte delle nazioni riconoscerà lo stato palestinese

 

Ramallah – Ma'an e Afp. La maggior parte degli stati del mondo annuncerà il riconoscimento dello Stato palestinese entro il prossimo settembre, secondo il ministro degli Esteri dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Riyad al-Malki.

Parlando ieri a Ramallah con un gruppo di giornalisti palestinesi, al-Malki ha infatti rivelato che l'Unione Europea aveva già espresso la propria intenzione di riconoscere lo Stato palestinese quando fosse trascorso un anno dalla ripresa delle trattative di pace dirette (avvenuta lo scorso 2 settembre).

Al-Malki ha quindi precisato che la notizia gli è stata comunicata dal ministro degli Esteri spagnolo Trinidad Jimenez, senza specificare quando sia avvenuto il colloquio.

Se l'Ue non arriverà a prendere questa decisione, allora la Spagna sarà il primo paese europeo ad annunciare il riconoscimento dello Stato palestinese, il che ci rende ottimisti” ha aggiunto.

Il riavvio delle negoziazioni di pace tra Israele e palestinesi ha segnato il primo giro di trattative dirette fra le due parti dopo quasi due anni, sebbene tutto sia saltato di lì a qualche settimana a causa dell'ininterrotta costruzione delle colonie da parte d'Israele. Gli Usa hanno infatti fallito nei loro tentativi di garantire un nuovo stop delle attività coloniali, poiché Tel Aviv ha rifiutato d'imporre nuove limitazioni ai coloni in Cisgiordania e a Gerusalemme est.

Washington ha ora chiesto a entrambe le parti di rilanciare delle negoziazioni indirette, convocando questa settimana i negoziatori israeliani e palestinesi nella capitale statunitense. Secondo 'Abbas, tuttavia, non vi saranno delle negoziazioni reali.

Per quanto riguarda i tentativi di far riconoscere ufficialmente lo Stato palestinese a livello internazionale, una serie di nazioni latino-americane – tra cui Brasile, Argentina e Cile – ha annunciato nelle ultime settimane di riconoscere l'esistenza di uno Stato palestinese indipendente, in base ai confini esistenti prima del conflitto del 1967.

Altre nazioni, inclusi Paraguay e Uruguay, pare intendano seguire presto l'esempio dei tre paesi citati. Lo stesso al-Malki ha affermato che Ramallah sta attualmentre cercando di convincere il Messico e diversi stati dell'America Latina. “Fino a settembre, c'impegneremo a garantirci quanti più riconoscimenti possiamo” ha dichiarato, sottolineando come questo rafforzerebbe la posizione palestinese nell'ambito delle negoziazioni o del tentativo di ottenere lo stesso riconoscimento dalle Nazioni Unite.

Il ministro ha anche menzionato alcuni progetti dell'Anp per far pubblicare al Consiglio di sicurezza dell'Onu una risoluzione sulla costruzione delle colonie israeliane, con il sostegno degli Usa per la redazione definitiva del testo: “Vogliamo che sia emanata una decisione unanime, e non vogliamo che Washington vi opponga il veto (…) La rappresentanza palestinese ha attualmente il sostegno di tutti gli Stati membri, eccetto gli Stati Uniti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.