Appello del ministro della Sanità: "Le scorte di medicinali sono quasi terminate. A rischio bambini e anziani malati".

Il ministro della Salute, Basem Naeem, domenica ha annunciato che, a causa della continua chiusura dei valichi e dell’assedio al governo palestinese, le scorte di medicinali sono quasi terminate.

In un incontro con gli ambasciatori di Qatar, Egitto, Oman, Giordania, Tunisia e Marocco, il ministro ha sollecitato i paesi arabi a fornire un aiuto, sottolineando che qualsiasi tipo di ritardo metterà a repentaglio la vita di molti palestinesi malati, soprattutto bambini e anziani.
Naeem ha anche chiesto ai paesi arabi di curare i malati cronici palestinesi e di sostenere quei pazienti che necessitano di trattamenti all’estero.
Inoltre, ha spiegato che i medici palestinesi hanno bisogno di perfezionare la loro professionalità all’estero, di fare più esperienza e di acquisire maggiori conoscenze nei vari campi in modo da limitare i trasferimenti di pazienti fuori dalla Palestina per le cure specialistiche – prassi che pesa enormemente sul bilancio del ministero.
Da parte loro, gli ambasciatori hanno risposto all’appello del ministro, chiedondo di fornire loro il programma ministeriale e l’elenco dei medicinali più urgenti.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.