Ar-Rajub: ‘Le trattative tra palestinesi e israeliani sono inutili. Israele non ha mai riconosciuto Abbas come presidente’.

Gaza – Infopal. Oggi, l’ufficiale Jibril ar-Rajub, dirigente di spicco di Fatah e membro del suo "Consiglio rivoluzionario", ha definito le trattative tra palestinesi e israeliani "inutili", ma, nello stesso tempo, ne ha chiesto il proseguimento per "smascherare le intenzioni israeliane".

In un comunicato stampa di cui il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto una copia, Ar-Rajub ha dichiarato che "le difficoltà nelle trattative di pace sono iniziate a seguito della conferenza di Annapolis, negli Stati Uniti, svoltasi il 27 novembre 2007: né nel programma dei lavori né nel comunicato conclusivo, infatti, sono state fissate le questioni relative alla soluzione finale".

Ar-Rajub, uno dei capi di spicco della sicurezza palestinese, ha invitato a "un momento di pausa per valutare le trattative e riorganizzare la causa palestinese" e ha chiesto "la riforma della presidenza in modo da diventare convincenti agli occhi del popolo palestinese".

Egli ha sollecitato, inoltre, "la riforma del governo e delle forze di sicurezza e un dialogo nazionale, globale e serio che porti a una visione politica di lotta che il popolo palestinese possa sostenere".

Ar-Rajub ha sottolineato la necessità di realizzare l’unità nazionale con un programma di lotta unitaria, e ha aggiunto che "le divisioni interne palestinesi offrono la scusa, a livello regionale, arabo e internazionale, per non assumere responsabilità verso il popolo palestinese".

E ha aggiunto: "Fino ad ora, gli israeliani non hanno mai riconosciuto il presidente Mahmud Abbas e non lo trattano come un partner, nonostante sia il palestinese che più rispetta l’idea della pace, ed è l’unico dirigente, dopo il defunto Yasser Arafat, in grado di firmare un accordo storico con gli israeliani".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.