Ar-Rishaq: ‘Continua la comunicazione con Fatah sulla riconciliazione’

Tehran – Pal-Info e InfoPal. 'Ezzat ar-Rishaq, membro dell'ufficio politico di Hamas, ha affermato che il suo Movimento “mantiene ancora dei canali di comunicazione con Fatah per attuare l'accordo di riconciliazione. Fatah aveva vincolato il rispetto dell'accordo alla nomina del primo ministro insieme al resto dei punti, al dopo settembre, dunque  la responsabilità del ritardo va attribuita a loro”.

“Hamas non vuole che gli accordi rimangano virtuali, vogliamo invece che essi siano reali, tradotti in fatti e che tengano unito il popolo palestinese nella lotta contro le aggressioni sioniste”, ha aggiunto ar-Rishaq, che ha invitato le parti a perseguire nelle tappe sulle quali vi è intesa: la formazione di un governo di unità nazionale alla direzione della prossima fase transitoria.

Per quanto riguarda la primavera araba e le sue conseguenze sulla causa palestinese ar-Rishaq sostiene che “la causa palestinese sia la causa di tutti i musulmani”.
Secondo il suo parere, gli avvenimenti positivi in Paesi come Egitto e Tunisia sono stati favorevoli alla causa.
“Il tipo di cambiamento avvenuto in Egitto è molto vicino alla Palestina.

“Il regime egiziano deposto è stato un alleato dell'entità sionista contro il popolo palestinese e contro la sua causa”.

Ar-Rishaq ha quindi chiesto alla comunità di musulmani di sostenere la causa della Palestina contro le aggressioni del nemico sionista.

Riguardo al valico di Rafah, l'esponente di Hamas ha dichiarato: “Dopo la rivoluzione egiziana le cose sono migliorate discretamente” e, concludendo, ha chiesto l'apertura permanente della frontiera, la rottura dell'assedio che Israele impone sulla Striscia di Gaza, “perché non è ammissibile lasciare che Gaza continui ad essere una prigione”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.