Arresti di massa in Cisgiordania. Gravi i dati che giungono da Jenin

Jenin – InfoPal. Questa mattina all'alba, le forze d'occupazione israeliane hanno condotto arresti di massa in varie zone della Cisgiordania occupata. Diciassette palestinesi sono stati sequestrati dai militari israeliani.

La provincia di Jenin, a nord della Cisgiordania occupata, è espressione della repressione e delle violazioni israeliane all'accordo di scambio raggiunto con Hamas con la mediazione egiziana.

Dal 18 ottobre scorso, ovvero dall'esecuzione della prima fase dei rilasci, alla seconda portata a termine domenica scorsa, Israele ha rilasciato 57 palestinesi provenienti da Jenin.
A Jenin però Israele ha arrestato 90 cittadini palestinesi nello stesso periodo: dal 18 ottobre al 18 dicembre 2011.

Conferma il dato Ragab Abu Diyak, a capo del Club dei prigionieri di Jenin.

Ieri notte, una massiccia campagna di assalti e arresti ha investito il campo profughi di Jenin.
Una quarantina di veicoli militari israeliani hanno occupato il centro del campo aprendo il fuoco all'impazzata e lanciando bombe sonore. Nove palestinesi sono stati arrestati.

Kamal e Jamil As'ad Abu al-Ghada sono stati sequestrati e quattro veicoli di proprietà palestinese sono stati confiscati.

Gli altri palestinesi arrestati sono: Mohammed Ibrahim as-Samour, Bilal Nadir as-Sa'di, Maher an-Nubani, 'Adnan Nagnagiyah, Daoud az-Zubaidi, Ahmed 'Ali Barakat e Mohammed Majid Abu al-Hejah.

Articoli correlati:

Non cambia il trend degli arresti quotidiani nemmeno dopo l'accordo di scambio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.