Arresti politici: l’Anp condanna il giornalista di al-Aqsa TV a 6 mesi di carcere.

 

Hebron – Infopal. I servizi d’intelligence appartenenti al presidente Mahmud Abbas, hanno deciso di imprigionare per sei mesi il giornalista Alaa at-Titi, corrispondente del canale satellitare al-Aqsa nella città di Hebron, in Cisgiordania.

At-Titi, arrestato diciotto giorni fa dalle forze d’intelligence, rimarrà in prigione per altri sei mesi.

L’intelligence ha presentato contro at-Titi una lunga lista di accuse per il suo lavoro al canale satellitare al-Aqsa, vicino al movimento di Hamas. La prigionia è stata comminata senza processo, a “nome del presidente”.

Il giornalista at-Titi ha chiesto a tutte le associazioni di categoria di muoversi per la sua immediata liberazione, e per quella degli altri giornalisti imprigionati: si tratta, sottolinea, di "persecuzioni politiche". E ha sottolineato che le violazioni contro i giornalisti in Cisgiordania "limitano molto il diritto alla libertà di parola".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.