ARRIGONI: DEVASTAZIONE A GAZA. A FUOCO L’OSPEDALE AL-QUDS. SFOLLATI 350 FERITI.

Gaza – Infopal. Mezzanotte ora palestinese. Mentre Rai2 sta mandando in onda Anno Zero, dove la soffererenza di 1,5 milioni di persone viene teatralizzata, e dove una Rula Jibril fa fatica a far capire le ragioni dei palestinesi, e dove un Marco Travaglio, solitamente molto preparato su Berlusconi e affini, fa mostra di gran cinismo nei confronti del mattatoio di Gaza, sentiamo al telefono Vittorio Arrigoni.

“Qui la situazione è devastante. L’ospedale al-Quds, bombardato questa mattina dalle forze israeliane, è in fiamme. 350 pazienti sono stati evacuati e ricoverati in altre strutture ospedaliere, già stracolme, come lo Shifa. Ci sono cecchini sui tetti e carrarmati per le strade che sparano contro chiunque si muova. A 200 metri da noi, ci sono una trentina di feriti, gravissimi, tra cui molti bambini, li vediamo lì ma non possiamo andarli a soccorrere perché i soldati ci sparano addosso.

Oggi Israele ha fatto tantissimi morti sia a Jabaliya sia a Gaza city. Ma che cavolo hanno questi in testa? Pensano solo a sparare”.

Mentre da Gaza si sentono i cannoni di Israele, ad Anno Zero gli ospiti si trovano quasi tutti d’accordo su un punto: la colpa di tutto è di Hamas. La trasmissione si conclude con la domanda di Santoro: “Perché Israele sta combattendo?”. Gli risponde prontamente un ragazzo della comunità ebraica di Roma: “Israele combatte per evitare che un giorno altri bambini debbano subire quello che stanno subendo adesso”. Cioè, che grazie a Hamas diventino kamikaze. Così, il buon Israele li ammazza prima che diventino grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.