Ash-Sha'er: la sofferenza dei detenuti è amplificata dai conflitti inter-palestinesi.

 

Il dott. Naser-Iddin ash-Sha’er, ministro dell’Istruzione dell’ex governo di unità nazionale, ha invitato il popolo e le fazioni palestinesi a dare importanza alla sofferenza dei detenuti nelle prigioni israeliani e ritornare immediatamente al dialogo per unire le fila dei palestinesi.

Dopo la scarcerazione, martedì sera, Ash-Sha’er ha dichiarato che "i detenuti soffrono molto a causa del conflitto inter–palestinese e sono molto amareggiati".

Ash-Sha’er ha portato anche il saluto dei deputati detenuti nelle prigioni israeliane, che chiedono alla dirigenza e al popolo palestinese di portare a conoscenza dell’opinione pubblica internazionale la questione delle migliaia di detenuti rinchiusi nelle carceri israeliane.

E ha aggiunto che le forze di occupazione tendono intenzionalmente a rimandare la liberazione dei deputati in attesa di una trattativa: "E’ necessaria una vasta campagna popolare e internazionale per difendere i prigionieri. I deputati sono innocenti, non esiste un governo al mondo che permetta di arrestare parlamentari eletti con accuse immaginarie".

 

Sha’er ha spiegato che le forze di occupazione hanno deciso di liberarlo non essendo riusciti a provare le accuse, né che abbia legami o abbia eseguito attività a favore di Hamas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.