Asili e scuole dell’Apartheid in Israele

Tell er-Rabi' (Tel Aviv) – Imemc. La municipalità di Tell er-Rabi' (Tel Aviv) è l'ultima delle decine di province nel paese a imporre ai bambini la frequenza di scuole dell'Apartheid, in base, cioè, a “razza” e nazionalità.

Quattro nuovi asilo nido sono stati aperti quest'anno nel quartiere di Bitzaron, a Tel Aviv. In esse, i bimbi saranno separati in base al documento d'identità di cui sono titolari, cioè, se il documento è israeliano o straniero.

Tuttavia, negli ultimi anni, le scuole di diverse province hanno imposto agli studenti di studiare separatamente nelle scuole in base a nazionalità, religione ed etnia. Espressamente, alcune scuole hanno escluso gli africani, sebbene molti di essi in Israele siano ebrei. La questione delle scuole dell'Apartheid è una delle tante sollevate dagli attivisti in tutto il mondo i quali le definiscono “pratiche dell'Apartheid” – similmente a quanto veniva praticato nel sistema razziale del Sudafrica fino al 1994.

Un procuratore del servizio di assistenza telefonica rivolto a lavoratori immigrati ha riferito al quotidiano israeliano “Haaretz” che queste scuole violano la legge israeliana, aggiungendo: “Se i bambini vengono separati nelle scuole in base alla prorpia nazionalità o per aver chiesto asilo, allora è illegale.

“La legge sull'educazione obbligatoria si applica a chiunque e l'iscrizione agli asilo nido e alle scuole non dovrebbe procedere sui criteri di nazionalità, religione, razza o status legale”.

Alcuni genitori hanno lamentato l'esistenza di questa politica della segregazione nella provincia. Anat Ben-Moshe ha dichiarato al corrispondente di “Haaretz”: “Quando ho chiesto perché non lasciano studiare insieme i bambini, mi è stato risposto che 'quando la maggioranza è straniera, sorgono problemi con i genitori'. Ma in qualità di genitore adesso mi tocca spiegare questa separazione a mia figlia, il che sembra essere più problematico”.

In Israele vigono oltre trenta leggi per la separazione della popolazione sulla base di razza e religione e tutti gli israeliani ricevono una carta d'identità nella quale si può leggere la definizione “ebreo”, “arabo” o altro.

Le autorità israeliane continueranno a praticare la separazione della propria popolazione al fine di assicurare che “resti intatto il carattere ebraico”.

I nuovi asilo nido dell'Apartheid a Tel Aviv non includono i palestinesi con cittadinanza israeliana. Da sempre infatti, questi palestinesi hanno frequentato scuole separate da quelle degli ebrei israeliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.