Attacco aereo israeliano: distrutta la sede del Medical Relief.

Riceviamo e pubblichiamo.

Care tutte e tutti,
 
vi invio sotto la drammatica notizia dell’ultimo attacco a Gaza. L’attacco ha distrutto la sede centrale del Palestinian Medical Relief Society (PMRS)  a Gaza e ha ucciso un neonato di 5 mesi.
 
La sede del PMRS ospitava la clinica principale del PMRS nella Striscia di Gaza, la principale farmacia, un’ambulanza, un centro di sostegno per portatori di handicap e gli uffici amministrativi.
L’ambulanza, tutti i medicinali e la maggior parte della strumentazione medica sono stati distrutti. Anche l’edificio è stato seriamente danneggiato e non potrà essere utilizzato senza prima aver effettuato dei lavori.
 
Un abbraccio
 
Luisa Morgantini
  

ATTACCO AEREO ISRAELIANO A GAZA: DISTRUTTA LA SEDE DI MEDICAL RELIEF, UCCISO UN NEONATO

 

Ramallah 28-02-2008. Un attacco aereo israeliano diretto contro la sede del Ministero dell’Interno a Gaza ha distrutto anche la vicina sede del Medical Relief, assassinando un neonato di cinque mesi in un edificio residenziale dell’area.

 

La sede di Medical Relief ospitava la principale clinica e farmacia della Striscia di Gaza, un’ambulanza, un centro di sostegno per persone con handicap e gli uffici amministrativi. L’ambulanza, tutte le medicine e buona parte delle attrezzature sono andate distrutte. Lo stesso edificio e’ seriamente danneggiato e non potra’ essere nuovamente utilizzato senza costosi interventi di consolidamento e recupero.

 

L’attacco ha inoltre colpito un edificio residenziale, uccidendo nella sua casa Mohamad Nasser Al-Borey, di cinque mesi.

 

Mustafa Barghouthi, membro dell’assemblea legislativa palestinese e presidente del Medical Relief, ha dichiarato che “la punizione collettiva dei palestinesi di Gaza ha raggiunto livelli inaccettabili. Questo ultimo attacco ha devastato una parte essenziale del gia’ seriamente devastato sistema sanitario di Gaza. Israele ha perso ogni senso di umanita’, e l’indifferenza della comunita’ internazionale gli consente una sanguinaria escalation di violenza contro un popolo imprigionato in un gigantesco carcere. Queste continue violazioni del diritto internazionale devono avere fine. Secondo le Convenzioni di Ginevra, colpire personale medico e’ un crimine. Organizzazioni regionali e singoli stati devono intraprendere azioni immediate per proteggere il popolo palestinese da Israele. Tutto questo deve finire, adesso”.

 

Abdel Hadi Abu Khussa, direttore del Medical Relief nella Striscia di Gaza, ha dichiarato che “la distruzione della piu’ importante clinica e della farmacia, dell’ambulanza e degli uffici e’ un colpo terribile per le attivita’ di Medical Relief, e aumentera’ le sofferenze del popolo di Gaza. Siamo vittime di una punizione collettiva da parte di Israele”.

 

 

*Medical Relief e’ in Palestina tra le principali organizzazioni non governative che offrono servizi sanitari, e nel 2007 ha raggiunto circa un milione e mezzo di palestinesi in quasi cinquecento citta’ e villaggi. Tutto questo e’ stato ottenuto attraverso un’ampia rete di infrastrutture e risorse umane costruita a Gerusalemme, nella West Bank e nella Striscia di Gaza nel corso di 29 anni di attivita’.

A Gaza, Medical Relief gestisce quattro centri per servizi primari, due ambulanze e due cliniche mobili, oltre che un ampio programma di sostegno a persone con handicap, in particolare bambini. Si occupa inoltre di programmi individuali per pazienti in speciale stato di necessita’, e ha un centro di fisioterapia.

Davanti al completo blocco di Gaza attuato da Israele a partire dal gennaio 2008, il Medical Relief ha avviato programmi di emergenza per il sostegno alla popolazione di Gaza.

 

Per ulteriori informazioni – Palestinian Medical Relief Society – www.pmrs.pstelefono 00972 5 99 94 00 73 – fax 00972 2 296 99 91

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.