Attacco alla FF: Marom, comandante della Marina israeliana, è in Grecia

 

Riceviamo dalla segreteria della “Greek Ship to Gaza” e pubblichiamo.

Atene, 25/01/2011

ELIEZER MAROM, comandante della Marina israeliana – la stessa che diede ordine di lanciare il sanguinoso attacco contro la Freedom Flotilla – si trova in Grecia…

Secondo quanto è stato riportato, l'ufficiale israeliano Marom è qui da domenica, su invito del suo omologo greco.

È lui il principale responsabile del violento assalto alla FF, degli omicidi, della pirateria, dei ferimenti, delle torture, degli incarceramenti arbitrari, del furto di oggetti, ecc. È quindi uno degli israeliani contro cui trentatré passeggeri delle navi Free Mediterranean, Sfendoni e Mavi Marmara, insieme a due compagnie di spedizioni, hanno presentato una DENUNCIA PENALE tramite i loro avvocati, avviando delle procedure legali presso la procura del tribunale di Atene il 2 luglio scorso per tutti i reati commessi ai loro danni.

Nel testo della denuncia, il comandante della Marina israeliana e gli altri soggetti citati sono accusati di:

  • confisca forzata, tramite l'uso di mezzi e truppe militari, delle suddette navi, intente a navigare legalmente in acque internazionali;

  • atti di violenza da parte delle forze israeliane nei confronti dei passeggeri-parti lese, che hanno lamentato serie ferite corporali, e sono stati inoltre vittime di: sequestro di persona; detenzione illegale; impiego come ostaggi; prigionia; rimozione e detenzione illegittima e forzata di denaro, documenti e oggetti personali; tortura, tramite la negazione di cibo, acqua e medicine; rifiuto di soddisfare i bisogni naturali e personali; privazione di ogni comunicazione con l'esterno; insulti personali a danno della dignità umana; danneggiamento di proprietà non israeliana, ecc.

Ricordiamo inoltre che:

  • tra le navi che presero parte alla missione vi era una nave cargo battente bandiera greca, insieme a una nave passeggeri anch'essa greca. A queste due imbarcazioni viene tuttora impedito di lasciare Israele tramite continui ostacoli amministrativi e richieste finanziarie a livelli di estorsione, che superano la somma oltraggiosa di 80.000 €. Tutto questo, nonostante l'esplicito accordo preso tra Grecia e Israele, che prevedeva la loro restituzione immediata (com'è stato per le navi turche, tornate in patria tre mesi fa);

  • dei passaporti greci – ovvero documenti appartenenti allo Stato greco – si trovano ancora in Israele, con il rischio che vengano usati in modo illegittimo (come accadde in passato con alcuni passaporti europei nel caso dell'assassinio di al-Mabhuh a Dubai);

  • in mano a Israele, e passibili di utilizzo illegale, sono anche gli effetti personali di valore sottratti ai passeggeri (macchine fotografiche, videocamere, computer, cellulari);

Sottolineiamo anche che i criminali di guerra Marom, Netanyahu e Lieberman non possono più visitare certi paesi europei, in quanto le autorità giudiziarie locali hanno avviato delle procedure per il loro arresto e processo. Paradossalmente, tutti e tre vanno e vengono dalla Grecia a loro piacimento, per via di certi “affari di grande importanza” – a loro dire – di cui presto non si avrà più notizia, ma che ora vengono citati per mascherare altri obiettivi.

Chiediamo quindi alle autorità giudiziare in Grecia di fare il loro dovere e chiamare questo criminale, il comandante della Marina israeliana Eliezer Marom, a testimoniare di fronte al tribunale greco per il suo processo penale.

La segreteria dell'iniziativa greca “Ship to Gaza”


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.