Attacco armato contro una scuola religiosa di Gerusalemme: 8 coloni israeliani e 2 attentatori uccisi. 40 i feriti.

Gerusalemme – Infopal

Un attacco armato contro una scuola rabbinica di coloni, ieri sera ha scosso Gerusalemme ovest. Il bilancio è di 8 vittime israeliane e i 2 attentatori palestinesi uccisi.

Fonti israeliane hanno dichiarato che un combattente palestinese ha fatto irruzione nella yeshiva Merkaz Harav, una scuola religiosa , e ha sparato contro gli studenti presenti, uccidendone 8 e ferendone 40.

L’Esercito e la polizia israeliani hanno assaltato la scuola e ucciso gli attentatori.

La scuola Merkaz Harav è collegata alla dirigenza dei coloni di "Gush Emunim" degli insediamenti illegali della Cisgiordania.

Nessuno gruppo armato palestinese ha rivendicato l’attacco. La polizia ha affermato che gli esecutori erano palestinesi di Gerusalemme. I mezzi di informazione israeliani hanno puntato il dito su un fantomatico gruppo, i "Battaglioni per la Libertà della Galilea", come responsabile dell’attentato. E hanno aggiunto che due palestinesi si sarebbero infiltrati nella scuola, travestiti con abiti religiosi.

Nella Striscia di Gaza, la popolazione sotto assedio è scesa in strada sparando in aria per la gioia e affermando che l’attentato di Gerusalemme è "una risposta ai crimini israeliani contro i bambini palestinesi".

Su questo attentato e sulla sua realizzazione rimangono, tuttavia, parecchi interrogativi. E, in ultimo, l’immancabile "cui prodest". A chi giova?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.