Attacco molotov contro la moschea di Milano Segrate.

Attacco molotov contro la Moschea di Milano Segrate.

Questa notte, sconosciuti, hanno gettato molotov contro l’auto di un giovane studente di Medicina, residente in Piemonte e attualmente vice-responsabile del Centro islamico di Milano Segrate, Hamid Zariate.

La prima molotov ha incendiato l’auto, la seconda l’ha fatta esplodere mancando per poco il giovane, che si trovava al Centro. "Dopo la prima detonazione, ho aperto la finestra. Ho visto uno che correva e lanciava un’altra bomba. Intorno all’auto avevano posto sacchi di materiali infiammabili. In questi giorni, sostituisco il dott. Abu Shwaima nella gestione delle attività del Centro islamico. Qualcuno ha notato la mia auto ferma da diversi giorni davanti all’Istituto e mi ha individuato come uno degli ‘imam’. E ha colpito. L’intenzione era di attaccare il Centro non me, credo. Si parla tanto di ‘pericolo islamico’, ma gli attentati li fanno a noi".

L’auto si trovava davanti alla Moschea, la cui parete è ora annerita. Carabinieri e digos hanno aperto un’indagine.

Ricordiamo che l’avvocato Carlo Taormina, ex sottosegretario all’interno, qualche giorno fa aveva dichiarato che "le diecimila sale di preghiera islamiche in Italia sono covi di terrorismo".

Indubbiamente, un’istigazione all’odio religioso, che questa notte, come in altre occasioni, ha dato i suoi frutti.

Per info 3881780141

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.