Attivisti internazionali raccolgono il grano sul confine di Gaza

Gaza City – Ma'an. A distanza di un solo chilometro dal “muro di separazione” che separa Israele a Gaza, attivisti internazionali e volontari palestinesi hanno dato avvio a una raccolta di grano e orzo a favore dei proprietari terrieri che temono l’artiglieria e le sparatorie israeliane nella zona vietata.

Svariati contadini palestinesi sono stati uccisi e feriti nell’area mentre stavano coltivando la loro terra o raccogliendo le colture. L’esercito israeliano impone un’area interdetta dentro la zona di frontiera della Striscia di Gaza giustificandola con questioni di sicurezza.  

Il corrispondente di Ma’an, Ayman Abu Shanab, si è unito ai volontari che rischiano la loro vita vicino a Beit Hanoun, nel bordo settentrionale della Striscia. Gli attivisti internazionali insistono nel voler restare a Gaza e nel continuare le loro attività nonostante i pericoli che li minacciano, soprattutto dopo la morte di Vittorio Arrigoni, ha affermato.

Il coordinatore dell’Iniziativa popolare Beit Hanoun, Sabir Za'nin, ha dichiarato a Ma’an: “Dal 2008 simpatizzanti internazionali aiutano i contadini e li incoraggiano ad accedere ai loro campi nonostante le minacce israeliane di bloccarli con l’uso della forza”.

“Quest’anno abbiamo lanciato una campagna per la raccolta delle colture, che abbiamo intitolato all’attivista italiano ucciso Vittorio Arrigoni, come un segnale di devozione verso un uomo assassinato in modo barbaro due settimane fa”, ha aggiunto.

Arrigoni, ha sottolineato, era un partecipante assiduo delle attività di solidarietà nelle zone pericolose vicino ai confini di Gaza.

Un volontario americano ha rivelato a Ma’an: ”Sono venuto per riportare l’attenzione su quest’area che molti nel mondo ignorano. Sono qui per aiutare i contadini a raccogliere il grano e l’orzo, e non temiamo il fuoco israeliano”.

L’assassinio di Arrigoni, ha affermato, è stato portato avanti da un gruppo di criminali che non rappresentano il popolo palestinese.

Le restrizioni di accesso nell’area del confine danneggiano gradualmente la produzione agricola nella Striscia di Gaza, hanno detto le organizzazioni di sostegno.

Nell’ultimo rapport di Oxfam, l’organizzazione internazionale ha rivelato che “in pratica, Israele restringe l’accesso alla terra coltivabile fino a 1000-1500 metri dalla barriera, che riunisce più del 30% della terra agricola di Gaza e a un numero rilevante di pozzi d'acqua. Anche la maggior parte della produzione animale della Striscia di Gaza è concentrata in quest’area”. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.