Attivisti svedesi preparano battello diretto a Gaza.

Stoccolma. Con lo slogan “Un battello verso Gaza”, lo scrittore e professore svedese Matthias Kardel, ha animato ieri, nella città di Jönköping (provincia dello Smoland), un incontro preparatorio al varo di un battello anti-assedio che salperà alla volta di Gaza, completamente sotto embargo da più di tre anni consecutivi da parte degli israeliani e dei loro alleati.

Il professore svedese ha affermato che la sua iniziativa “è un messaggio umanitario di fronte agli occupanti, ai quali si vuol dire che è impossibile che il mondo esterno possa ignorare la crisi che colpisce in maniera molto grave la popolazione di Gaza”.

“Verranno organizzate molte iniziative di solidarietà con la popolazione di Gaza durante la nostra tournée che attraccherà in diversi porti attirando l’attenzione dell’opinione pubblica sull’embargo arbitrario, e perciò ingiusto, imposto dagli occupanti israeliani ad oltre un milione di abitanti della Striscia di Gaza”, ha sottolineato Kardel, appellandosi alle organizzazioni dei diritti umani e che si occupano di questioni umanitarie e giuridiche affinché si battano “per togliere quest’embargo davvero pesante ed ignobile”.

La carovana umanitaria comprende lo scrittore Kardel, uno dei promotori di “Un battello verso Gaza”, personalità indipendenti, organizzazioni che intendono promuovere il rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale, nonché altri personaggi come l’ex deputato Mariam Osman Sherifay e il musicista Dror Feiler, noto per essere il presidente degli ebrei d’Europa che si battono per una “pace giusta”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.