Attuale bilancio delle recenti aggressioni israeliane: 57 palestinesi uccisi, 121 feriti (di cui 31 bambini), decine di case distrutte e terreni divelti.

Da www.mezan.org/site_en/press

L’incursione israeliana contro la Striscia di Gaza ha finora provocato 57 morti, mentre il numero di feriti ha raggiunto i 121, inclusi 31 bambini103 case sono state danneggiate, di cui 14 completamente distrutte. 265 dunums di terreni agricoli divelti.

33 pazienti sottoposti a cure mediche in Egitto sono trattenuti dentro il terminal di Rafah. 5 pazienti sono stati rimandati indietro negli ospedali egiziani a causa del deterioramento delle loro condizioni di salute, mentre un anziano, Fahmi Dawood, 70 anni, e il sedicenne Mohammed Shorrab, sono morti a seguito della chiusura dello stesso terminal.

939 palestinesi evacuati si trovano ora nelle scuole dell’UNRWA che hanno iniziato a essere usate come riparo per 190 famiglie che vi si sono recate per ricevere razioni di cibo da quando il militari israeliani hanno rafforzato l’assedio all’area di Ash-Shouka, a est di Rafah.

Le forze di occupazione israeliane continuano a colpire le centrali elettriche e i trasformatori: la gente sta abbandonando le proprie case perché manca la luce e l’acqua (le cui pompe sono azionate elettricamente).

Inoltre, le forze di occupazione hanno proibito alle compagnie elettriche di riparare i trasformatori e le centrali, localizzate vicino all’aereoporto internazionale di Gaza, occupato da una base di sorveglianza israeliana.

(…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.