Aviazione israeliana bombarda auto civile: ucciso il figlio di Mahmoud az-Zahar.

Gaza – Infopal
dal nostro corrispondente
Aerei da guerra israeliani hanno bombardato un’auto civile nei pressi di Abu Jarad, a sud della città di Gaza.
A bordo del veicolo si trovava Hossam Mahmoud az-Zahhar, il figlio del leader di Hamas, Mahmoud az-Zahhar.
Sale a 9 il bilancio delle vittime dei bombardamenti israeliani in corso da questa mattina sull’area intorno alla città di Gaza.
Si legga: "Bombardamenti israeliani contro la città di Gaza: è una carneficina. 16 palestinesi uccisi. 40 feriti."

Mahmoud Zahhar è stato ministro degli esteri durante il governo nazionale guidato da Hamas e durante il governo di coalizione. Zahhar è i fondatori del movimento di resistenza islamica.

Nel 2003, un bombardamento israeliano colpì l’abitazione della famiglia Zahhar, uccidendo il figlio Khaled. Oggi è toccato all’altro figlio, Hossam.

Oltre a Zahhar, sono morti anche 6 resistenti  delle brigate al-Qassam, ala militare di Hamas, e altri 8 cittadini sono rimasti feriti a seguito dei bombardamenti israeliani contro la zona della rotonda Malika e vicino al mercato dell’auto nel quartiere az-Zaitun, a est della città di Gaza.
Fonti mediche nell’ospedale ash-Shifa hanno confermato l’arrivo di nove cadaveri a pezzi: Ahed Ashur, Rami Farahat, Marwan Odeh, Khalil al-Mudallel, Mahmud Abu Laban, Abdullah al-Haj Salem, tutti membri delle brigate al-Qassam. Tra le vittime c’i sono anche due civili: Asaad Tafish, 65 anni, e un altro non ancora identificato (perché a pezzi).

La zona dell’invasione israeliana è oggetto di un massiccio sorvolo dell’aviazione. Inoltre, cecchini delle forze speciali stanno occupando fabbriche e scuole.

Nello stesso contesto, la zona industriale Erez, vicino alla cittadina di Beit Hanoun, a nord della striscia di Gaza, è stata invasa da diversi carri e bulldozer israeliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.