Ballata per Gaza conquista il Web E in Israele scoppia la polemica.

L’autore è Michael Heart, musicista d’origini siriane, cresciuto fra Svizzera e Austria

www.corriere.it

Ballata per Gaza conquista il Web
E in Israele scoppia la polemica

“We will not go down” ha già avuto mezzo milione di contatti. Chiesti fondi per i profughi palestinesi

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

GERUSALEMME – «Potete bruciare le nostre moschee e le nostre case e le nostre scuole/ ma il nostro spirito non morirà mai». E poi: «Donne e bambini tutti uguali/ uccisi e massacrati notte dopo notte». Le parole sono un po’ scontate, la musica è una chitarra alla Bryan Adams, le immagini sono un’alternanza di morti innocenti e signori della guerra. Michael Heart dice d’avere scritto, musicato, montato tutto in poche ore: “Avevo fretta. Perché voglio solo che questo clip sia scaricato il più possibile, finché dura l’indignazione per quel che è successo”.
 
SUCCESSO SU YOUTUBE – La sua ballata per Gaza, “We will not go down”, è arrivata subito a destinazione: la prima volta, l’abbiamo sentita a una manifestazione di pacifisti israeliani, poi è stata lanciata da Mood 92, una radio giordana in inglese molto ascoltata in tutto il Medio Oriente, alla fine è diventata un successone su YouTube. Più di mezzo milione di contatti. Heart, cantautore d’origini siriane, cresciuto fra Svizzera e Austria, dalla sua casa di Los Angeles ringrazia: «E’ una dimostrazione di sostegno, un pensiero e una preghiera per la gente di Gaza. Chiedo a tutti, dopo avere scaricato il download, di fare una donazione all’Unrwa, l’agenzia delle Nazioni unite per i profughi palestinesi». Formato negli studi di registrazione californiani, dove lavora da vent’anni, accompagnatore in concerto di grandi nomi come Natalie Cole, Phil Collins, Al Jarreau, Earth Wind & Fire, il cuore di Heart batte sul piombo caldo dei massacri, il suo clip turba le coscienze.
 
CASO POLITICO – E scatena anche qualche polemica, perché la canzone per Gaza ora sta diventando in Israele un caso politico. Nel Paese del sostegno bellico senza se e senza ma, sulle radio che trasmettono la ballata piovono un bel po’ d’elogi: «Finalmente, rompiamo il cerchio di questa follia, basta con le ubriacature di sangue»; «guardate, ascoltate e vergognatevi» (blog su Mood 92). Su Heart, però, arrivano anche le critiche, perché nel video e nel testo manca qualsiasi accenno a Hamas, ai suoi Qassam: «Sono contro questa guerra – scrive sul Jerusalem Post un blogger che si definisce pacifista israeliano -, ma il messaggio della canzone è parziale». Il cantautore aveva messo in conto le arrabbiature: «Ci sono milletrecento civili che si sono presi addosso le bombe. Posso prendermi anch’io qualche attacco. Tutti possono pensare quel che vogliono, tanto il disastro è stato fatto e non è più rimediabile. Ora mi basta che tutti facciano qualcosa. E mandino i loro soldi all’Onu e alle organizzazioni umanitarie, perché c’è un sacco di gente che ne ha bisogno».

Francesco Battistini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.