Bambini di Gaza affetti da patologie da contaminazione con armi proibite

Beirut – InfoPal. “Il numero dei bambini di Gaza che presentano patologie gravi conseguenti a ferimenti o infezioni provocate dalle sostanze contenute nelle armi proibite – usate da Israele – è troppo alto”.

Queste sono le conclusioni cui è giunta la Campagna “Medici per la rottura dell’assedio II”, riportate durante la conferenza stampa, ieri, 7 gennaio, a Beirut.

Najib Hammadah, coordinatore della campagna, ha parlato degli effetti devastanti provocati dalle bombe al fosforo, all’uranio impoverito o dalle bombe a grappolo.

Concludendo, Hammadah ha lanciato un appello per gli ospedali della Striscia di Gaza: “Non dispongono di attrezzature, dispositivi e farmaci necessarie per la cura di patologie molto diffuse sul territorio: cancro, malattie renali ecc.”.

Elisa Gennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.