Ban Ki-moon e Blair: ‘L’assedio israeliano su Gaza è controproducente’

Press Tv e Palestine-info. Di rientro da un viaggio tra Brasile, Malawi ed Uganda, ieri, 2 giugno, il Segretario Generale dell'ONU, Ban Ki-moon ha chiesto di porre immediatamente fine all'embargo imposto da Israele su Gaza.

Ban Ki-moon ha ammesso che la strage di lunedì scorso, in acque internazionali, è stata una conseguenza diretta del blocco su Gaza definito “controproducente, insostenibile e sbagliato” [l'embargo imposto da Israele sulla Striscia di Gaza è una violazione della IV Convenzione di Ginevra e fino ad oggi è stato oggetto di diverse risoluzioni ONU in cui se ne chiede la fine, sia ad Israele che all'Egitto, ndr].

L'assedio su Gaza è “controproducente” anche per Tony Bair, inviato del Quartetto per il Medio Oriente, che ha esortato le autorità israeliane a lasciar entrare a Gaza i materiali da costruzione necessari per rimettere in funzionamento il sistema idrico, la rete fognaria e la centrale elettrica di Gaza.

Blair ha aggiunto: “Non è una buona scelta per ottenere il rilascio di Shalit”, il soldato israeliano catturato dalla resistenza palestinese nel 2006.

Cameron, nuovo Primo ministro britannico, ha invece dichiarato: “Il blocco potrebbe agevolare Hamas”.

Non sono inoltre mancati appelli rivolti all'Egitto perché permetta il passaggio dei beni primari per Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.