Beirut: sit-in di solidarietà con i prigionieri palestinesi in sciopero della fame

Beirut – InfoPal. La Campagna della società civile a sostegno di Palestina e 'Iraq con la partecipazione di gruppi e fazioni libanesi e palestinesi ha indetto un sit-in di solidarietà ai prigionieri palestinesi in sciopero della fame.

L'evento si è svolto su invito della campagna in seguito alla riunione settimanale del comitato di controllo con il coordinatore generale, Ma'an Bashour e rappresentati libanesi.
Erano inoltre presenti il Partito d'avanguardia arabo-libanese, il Circolo nazionale del lavoro, l'Associazione “Arabismo e Progresso”, l'Organizzazione nazionale di Nazareth, il Gruppo di comitati e associazioni popolari, il Forum nazionale arabo, il Comitato nazionale di difesa dei prigionieri, il Comitato di iniziativa nazionale per rompere l'assedio su Gaza, il Comitato islamico in Palestina nella Diaspora.

Hanno aderito all'iniziativa anche i seguenti partiti: Fatah, Fronte popolare di liberazione della Palestina (Flpl) e il suo Comando Generale (Fplp – Cg), Fronte democratico di liberazione della Palestina (Fdlp), Partito di liberazione palestinese, Partito di liberazione araba, Partito di lotta popolare palestinese, il Gruppo “Figli del Ritorno”.

Nel corso dell'incontro, i presenti si sono rivolti alla Lega Araba, perché avvii “iniziative di sostanza a tutela dei prigionieri palestinesi in sciopero della fame e al Consiglio per i Diritti Umani Onu”, con la richiesta di assumersi la responsabilità per la sorte dei detenuti palestinesi ed esposti alla brutalità sionista nelle carceri dell'occupazione.

“E' una campagna per la giustizia. E' nazionale, popolare e degli esseri umani. La questione palestinese fa da pilota a tutte le lotte dei popoli arabi e nel mondo”, hanno affermato i partecipati alla Campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.