Benedetto XVI in Terra Santa, Bahar e Musallam: ‘Visita di parte’.

Gaza – Pic. Il presidente ad interim dell’Anp, il deputato Ahmad Bahar, ha condannato ieri lo spirito “filo-israeliano” della visita in Terra Santa di Papa Benedetto XVI, mettendo l’accento sui forti rapporti tra musulmani e cristiani nella Palestina occupata.

“I cristiani in Palestina sono nostri fratelli e vivono con noi in pace e sicurezza, per il fatto di essere nostri compagni di morte, di resistenza e di dolore”: queste sono state le parole di Bahar durante una conversazione telefonica con padre Manuel Musallam, eminente autorità cristiana di Gaza.

Secondo Bahar, l’atteggiamento di Papa Ratzinger e la sua evidente noncuranza per le sofferenze del popolo palestinese oppresso dall’occupazione israeliana trasmetterebbero a Israele un messaggio sbagliato, incoraggiandola a proseguire nei suoi crimini contro i civili innocenti nella Striscia.

Parole di biasimo sono state pronunciate anche nei confronti della visita alla famiglia del prigioniero israeliano Gilad Shalit, e per non aver speso nemmeno una parola sul travaglio delle famiglie degli 11.000 palestinesi rinchiusi nelle carceri d’Israele: un atteggiamento definito “ingiusto” dal presidente.

“Il Papa avrebbe dovuto chiedere la liberazione immediata di 40 parlamentari palestinesi rapiti dalle forze di difesa israeliane tre anni fa – ha sottolineato Bahar – , e avrebbe dovuto condannare la carneficina operata ai danni dei bambini di Gaza, e chiedere la fine dell’oppressivo assedio israeliano sulla Striscia, invece di piangere al Muro di al-Buraq (il Muro del Pianto, ndr)”.

Per questo motivo, Bahar ha invitato il Papa a dare un tono più imparziale alla sua visita, il che, secondo il deputato, aiuterebbe a rendere giustizia alle vittime dei “macellai” della guerra.

Da parte sua, padre Musallam si è dichiarato “fiero di far parte del grande popolo palestinese”, assicurando che sia lui che tutti gli altri cristiani palestinesi sono e resteranno fedeli alla loro terra.

Ha evidenziato l’indivisibilità del popolo della Striscia di Gaza da quello della Cisgiordania, aggiungendo che i palestinesi, a prescindere dalla religione, hanno l’obiettivo comune di liberarsi dell’occupazione.

Padre Musallam ha quindi criticato la reticenza del Papa a condannare pubblicamente i massacri israeliani nella Striscia, dove 1.400 palestinesi sono stati uccisi e più di 5.000 altri sono rimasti feriti nei 22 giorni a cavallo tra dicembre 2008 e gennaio 2009.

Il Papa avrebbe inoltre rifiutato un invito, lanciato dallo stesso Padre Musallam, a visitare la Striscia di Gaza per essere testimone oculare delle condizioni di povertà e di miseria vissute dal milione e mezzo di abitanti della regione, sia cristiani che musulmani, sotto l’embargo israeliano. Grande delusione è stata espressa per il rifiuto di Sua Santità.

(Traduzione a cura di Infopal)

Notizie correlate:

'Abbas riceve il Papa a Betlemme

Benedetto XVI visita la Cupola della Roccia assediata da soldati israeliani. Hamas: il Papa abbellisce l'immagine di Israele.

Visita del Papa, cinismo by Israel: soltanto disabili e anziani gazawi possono recarsi in visita a Betlemme.

Visita papale: proteste delle famiglie dei detenuti palestinesi

Gerusalemme, in attesa del Papa, Israele mette il bavaglio ai media palestinesi. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.