Black-list razziste al servizio della propaganda sionista

Editoriale InfoPal. Chi si presta a stilare “black-list” come quelle nuovamente segnalate qui http://www.repubblica.it/crona​ca/2011/07/22/news/reazioni_bl​acklist_ebrei-19471487/?ref=HR deve essere considerato complice della campagna liberticida e di diffamazione che poi fa immancabilmente seguito a tali pubblicazioni. 

Campagna, ovviamente, contro agenzie, siti, blog che non sono affatto ANTISEMITI, ma che si occupano di una corretta informazione sulla Palestina e sul Sionismo.

L'obiettivo degli Inquisitori dei nostri tempi, infatti, NON sono i razzisti e imbecilli VERI, ma l'informazione onesta sulla Palestina. E chi diffonde black-list razziste si presta al loro gioco.

E' certo che la gente deve sapere chi CONTROLLA i media, nel mondo (e in Italia), ma non è stilando liste in base a categorie “razziali” o “etnico-religiose” che si crea consapevolezza. 
I media sono controllati dalle lobby, dalle corporation, dalle industrie, dalle massonerie, dalle banche, dai signori del petrolio e delle guerre. Si tratta di qualche centinaio di famiglie, miliardarie e potentissime, in tutto il mondo. Una vera cupola mafiosa con nomi, cognomi, volti e conti altissimi nei paradisi fiscali, nelle banche che rovinano interi Paesi. Questo si deve denunciare.

Stilare l'elenco degli “ebrei” da epurare da questo o quel posto puzza lontano un miglio di Leggi razziali. E' pericoloso, inutile e nocivo. E offre su un vassoio d'argento agli INQUISITORI dei nostri giorni l'occasione per assimilare antisemitismo a antisionismo (e denuncia di Israele e dei suoi crimini). Ambiti completamente distanti e diversi, ma che la propaganda sionista vuole invece accostare.

Nazi-fascisti e antiebraici non fanno altro che il gioco dei sionisti e della loro propaganda anti-democratica e contro le verità storiche. E, alla fine, sono nemici del popolo palestinese tanto quanto il Sionismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.