Bombardato il centro di Gaza e il campo profughi di Jabaliya. Colpita la casa di leader delle Brigate Al-Aqsa.

Dal nostro corrispondente.

Fonti ufficiali palestinesi hanno reso noto che questa mattina presto, l’aviazione israeliana ha attaccato due edifici nella Striscia di Gaza, ferendo almeno 9 persone.

Il primo attacco aereo ha colpito la casa di un leader della resistenza, nella città di Jabaliya.All’alba di oggi aerei da guerra israeliani hanno bombardato il centro della città di Gaza. Testimoni oculari hanno riferito che gli aerei militari hanno sganciato due missili sulla strada As-Sahaba al centro della città di Gaza.

Gli aerei hanno colpito un casa appartenente a un membro delle Brigate Al-Aqsa, ala armata di Fatah, nel campo profughi di Jabaliya, nel nord della Striscia di Gaza.

5 palestinesi che si trovavano nei pressi dell’edificio sono stati feriti, e altri 4 nei pressi di quello di Gaza City.

Parenti di Salim Thabet, un attivista delle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa, a Jabaliya, hanno dichiarato che l’esercito, prima di colpire l’abitazione, lo aveva avvisato di evacuare l’edificio in 15 minuti, e di stare alla larga dalla zona perché altri bombardamenti erano possibili.

Fonti ospedaliere hanno riferito che 5 persone che si trovavano nei pressi della casa sono state ferite.

Il secondo attacco ha colpito una casa a due piani, a Gaza City, incendiandola. Molte case limitrofe sono state danneggiate e 4 persone ferite. 

Fonti israeliane hanno riferito di aver colpito un magazzino di armamenti e di aver avvisato gli occupanti di sfollare l’edificio e l’area prima dell’attacco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.