‘Breaking the silence’ su Gaza, Hamas: le confessioni dei soldati israeliani dimostrano che Israele ha commesso crimini di guerra.


Gaza – Infopal. “Le confessioni dei soldati israeliani sono la prova conclusiva che l’occupazione ha commesso crimini di guerra durante l’aggressione contro la Striscia di Gaza: ha ucciso intenzionalmente civili innocenti e li ha usati come scudi umani. Ha utilizzato armi pesanti e ha distrutto le abitazioni  senza giustificazione alcuna, come hanno ammesso i soldati”. E' quanto ha affermato ieri il portavoce del movimento di Hamas, Sami Abu Zuhri, a seguito della pubblicazione del rapporto dell'associazione israeliana “Breaking the silence” (Rompere il Silenzio).

“Tali dichiarazioni – ha aggiunto – impediscono a Israele di continuare a sottrarsi alla propria responsabilità per i crimini di guerra commessi a Gaza”.
Hamas ha rilevato, inoltre, che la credibilità delle organizzazioni internazionali, in particolare del Tribunale penale internazionale, si trovi di fronte a “un reale esame, perché non è più accettabile continuare a ignorare questi crimini dopo l’ammissione di chi li ha commessi. Ciò rende necessario portare questi assassini e i loro capi davanti al tribunale internazionale”.

 

Breaking the Silence è un'organizzazione di soldati israeliani veterani che raccoglie informazioni e testimonianze sui militari che hanno prestato servizio nei territori palestinesi occupati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.