Breccia nel muro di Rafah: anche gli egiziani entrano nella Striscia di Gaza. Delegazione parlamentare visita il CLP.

Gaza – Infopal

Con l’abbattimento del muro che separa la Striscia dall’Egitto, centinaia di egiziani si sono recati in visita a Gaza: ieri, è giunta la delegazione parlamentare del Partito del Popolo egiziano, tra cui Muhamadin Sbah, Imad Al-Baluq.

La delegazione egiziana ha fatto visita all’ex ministro degli esteri palestinese e leader di Hamas, Mahmoud az-Zahhar, che la settimana scorsa ha perso uno dei suoi figli durante un’attacco israeliano contro Gaza. E si è recata alla sede del Consiglio Legislativo palestinese.

Ahmed Bahr, presidente facente funzioni del Consiglio Legislativo palestinese, ha incontrato un delegazione parlamentare egiziana. Durante l’incontro, è stata affrontata la situazione della Striscia alla luce dell’assedio in cui è costretta a vivere la popolazione palestinese.

Questa mattina, durante un’intervista con il nostro corrispondente, Bahar ha parlato di "visita storica", sottolineando che la delegazione egiziana ha espresso "grande solidarietà" al popolo palestinese e che "i palestinesi e gli egiziano sono un solo popolo".

Bahar ha spiegato che la delegazione ha espresso soddisfazione per l’apertura del valico di Rafah ai cittadini palestinesi, ha ricordato gli accordi per la fornitura, da parte dell’Egitto, di elettricità e gas alla Striscia, e ha promesso di studiare le modalità per portare la questione al parlamento egiziano e per finanziare il progetto.

Bahar ha aggiunto che questa visita "riflette la fratellanza e il legame tra i paesi arabi e islamici", che rappresenta un inizio per sollevare l’assedio sulla Striscia e che la delegazione ha promesso di incontrare nuovamente il CLP di Gaza.
Il portavoce del ministero degli esteri egiziano, Hossam Zaki, tuttavia, ha dichiarato a Ha’aretz che la situazione in corso è temporanea e che i confini verranno nuovamente chiusi.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.