Brigate palestinesi rivendicano operazioni di attacco contro obiettivi israeliani.

Le Brigate Al-Quds, ala militare del Jihad islamico, hanno rivendicato la responsabilità del lancio di 3 razzi artigianali contro la città israeliana di Sderot.

In un comunicato, le Brigate hanno dichiarato che i lanci fanno parte dell’ "Opeazione Rosa Rossa", che prevede l’utilizzo di 100 missili artigianali contro insediamenti israeliani al confine con la Striscia di Gaza, come "rappresaglia contro le atrocità commesse da Israele contro il popolo palestinese".

  Scontro tra brigate palestinesi e soldati israeliani, invece, al valico di Sufa, nel sud della Striscia: le Brigate Al-Aqsa, ala militare di Fatah, le Brigate Abu Ali Mustafa, ala armata del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, e le Brigate Al-Quds hanno rivendicato l’attacco congiunto contro un’unità di ingegneria israeliana vicino al cancello nord del valico di Sufa, ai confini con Israele. 

Nel comunicato, le tre brigate affermano che l’attacco è stato in risposta "agli scavi israeliani a Gerusalemme", e hanno minacciato che "qualsiasi danno arrecato alla santa Moschea di Al-Aqsa provocherà una dura reazione".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.