Carta di identità negata alle donne russe, mogli di cittadini palestinesi.

Dal nostro corrispondente.

Il ministro degli Esteri palestinese, Mahmoud Al-Zahar, ha inviato una lettera al suo

 partner russo, sottolineando le buone relazioni tra i due paesi e riconoscendo la solidarietà russa nei confronti del popolo palestinese e del suo diritto a vivere in uno stato indipendente con capitale Gerusalemme.

Al- Zahar ha poi menzionato il problema delle cittadine russe sposate con palestinesi: esse risiedono da anni con i loro mariti e i loro figli sul territorio palestinese, ma non riescono a ottenere la carta d’identità che viene rilasciata su permesso israeliano per i ricongiungimenti familiari.

 

E’ necessario precisare che da parecchi anni  il governo israeliano ha sospeso i permessi, nonostante le richieste che giungono in particolare da mogli e figli di cittadini palestinesi.

Nella sua lettera, il ministro Al-Zahar sottolinea che “la decisione del governo israeliano ha provocato una grande sofferenza psicologica a queste donne, perché senza documenti, quando escono dal Paese per far visita ai familiari in Russia, non possono più farvi ritorno. Quindi sono divise tra il rimanere a casa, per timore di non potervi più rientrare, e rivedere i loro familliari in patria. Ci sono pervenute varie richieste da parte di queste signore, a cui non abbiamo potuto dar seguito a causa dell’ostilità israeliana”.

E ha aggiunto: "Vi comunichiamo la sofferenza delle sorelle russe, auspicando che possiate riuscire a trovare un modo con la controparte israeliane per risolvere questa emergenza”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.