Carter: la pace tra israeliani e palestinesi non sarà possibile senza Hamas.

 

Damasco – Agenzie. “La pace tra israeliani e palestinesi non sarà possibile senza Hamas”. E' quanto ha dichiarato l'ex presidente Usa Jimmy Carter, dopo l'incontro di ieri con il presidente siriano Bashar Al-Asad.

“Non credo che ci sia alcuna possibilità di pace tra palestinesi e israeliani se Hamas non sarà direttamente coinvolta nei negoziati insieme a Fatah”, ha detto all'agenzia Afp. 

Carter ha espresso la speranza che Hamas si impegni all'interno dell'iniziativa di pace araba che chiede la “normalizzazione con Israele in cambio di un pieno ritiro israeliano dai territori palestinesi occupati nel 1967”.

E ha aggiunto di aspettarsi che l'attuale presidente Usa Barack Obama intraprenda colloqui con Hamas se le fazioni palestinesi riusciranno a formare un governo di unità.

La visita di Carter in Siria si è svolta in concomitanza con quella dell'inviato statunitense in Medio Oriente, George Mitchell.

In un'intervista pubblicata ieri nel quotidiano con sede a Londra, “Ash-Sharq Al-Awsat”, il capo dell'Ufficio politico di Hamas, Khaled Misha’al ha sollecitato Obama a eliminare le condizioni poste al dialogo con Hamas: “Obama si è rivolto a Hamas con un nuovo linguaggio, che noi speriamo sia tradotto in una politica concreta. Speriamo che egli cancelli le condizioni imposte per i colloqui con Hamas”.

Nel suo discorso al Cairo, giovedì scorso, Obama aveva affermato che il movimento islamico “ha il sostegno di qualche palestinese”, ma che “deve riconoscere Israele e rinunciare alla violenza per poter essere coinvolto nei negoziati di pace”.

Misha’al ha aggiunto che il presidente Obama sta applicando “un doppio standard”: “Obama ha dichiarato di voler voltar pagina nella regione e promuovere dialoghi con iraniani e siriani senza precondizioni. Perché le pone a Hamas?”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.