Centinaia di pescatori di Gaza denunciano in un sit-in le aggressioni israeliane

Gaza – Wafa'. Centinaia di pescatori palestinesi hanno preso parte mercoledì scorso un sit-in organizzato dal sindacato dei comitati agricoli di fronte alla sede delle Nazioni Unite a Gaza, condannando la politica israeliana contro la categoria e chiedendo la fine dell'assedio su Gaza.

Saad Addin Zeyadeh, attivista del sindacato, riferisce: “Vogliamo far sentire la nostra voce all'Onu, per porre fine alle ingiustizie patite dai pescatori. E' ora che il governo israeliano si comporti come un governo rispettoso della legge e risponda dei suoi crimini”.

I partecipanti al sit-in hanno adottato lo slogan “Nonostante il maltempo, l'assedio, gli omicidi e la distruzione, la pesca non si fermerà”. Essi hanno condannato le politiche israeliane e hanno affermato il proprio diritto ad esercitare l'attività ittica, sottolineando anche che non l'abbandoneranno nemmeno di fronte agli orrori e agli attacchi che subiscono quotidianamente.

“Sono aggressioni che hanno lo scopo di allontanarci dalla pesca e costringerci all'accattonaggio”.

I presenti hanno inoltre esibito cartelli sui quali si leggevano i seguenti messaggi:

“Abbiamo il diritto di esercitare il nostro lavoro senza paura e intimidazioni”;

“Ci appelliamo alla comunità internazionale perché fermi le aggressioni israeliane contro i pescatori”;

“Lunga vita alla determinazione dei pescatori palestinesi”;

“No al blocco politico e alle punizione collettive imposte da Israele contro il popolo palestinese”.

Il comitato di rappresentanza dei pescatori e il sindacato hanno inviato una lettera al segretario Onu, Ban-Ki-moon, con la richiesta di fermare le ingiustizie contro i pescatori a Gaza.
Nella lettera si chiede a Ban-Ki-Moon di intervenire per fermare le brutali pratiche israeliane contro i pescatori palestinesi: uso di armi, omicidi, l'affondamento e la confisca delle loro barche così come la privazione del diritto di lavorare, derivante dall'ingiusto assedio che ne limita l'area d'accesso in mare per la pesca a 3 miglia nautiche.

La lettera intende fare in modo che Israele osservi politiche, trattati e leggi internazionali, perché i pescatori possano vivere decentemente e avere la possibilità di esercitare il proprio lavoro senza alcuna paura, né intimidazione.

Il sit-in è parte del progetto Right to Life fondato dal Norwegian People Aid (NPA) e seguito dal sindacato dei comitati agricoli.

Israele ha ristretto a 1.500 metri l'accesso ai palestinesi sui confine tra Israele e la Striscia di Gaza, le aree di pesca a 3km dalla costa, creando ostacoli alla vita di migliaia di persone nella Striscia di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.