Centro Sawasiya: 'L'autorizzazione al passaggio via terra degli aiuti per Gaza rappresenta una forma di collaborazione all'assedio'

Gaza – Infopal. Un centro giuridico palestinese ha dichiarato che la richiesta delle Nazioni Unite di autorizzare il passaggio terrestre al solo scopo di far entrare aiuti umanitari nella Striscia di Gaza a condizione, però, che si eviti l'invio di convogli umanitari via mare, equivale ad una forma di collaborazione con l'assedio imposto sulla Striscia da quattro anni.

Il centro per i diritti umani “Sawasiya” ha spiegato infatti che “Israele ha ingannato la comunità internazionale divulgando la notizia dell'alleggerimento dell'assedio della Striscia di Gaza e del permesso all'ingresso di migliaia di merci e di prodotti necessari. In questo modo Israele è riuscito a far riconoscere l'assedio a livello internazionale e a dargli una parvenza di legalità, avendo spinto le Nazioni Unite a riferirsi alle sole frontiere terrestri.

Il Centro ha poi invitato le Nazioni Unite e le associazioni per i diritti umani a “rivedere tutte le raccomandazioni e le decisioni emesse in merito e ad inviare commissioni specializzate per porre fine alla dura situazione cui sono sottoposti i palestinesi di Gaza”, sottolineando “la necessità di prendere decisioni a livello internazionale a carattere coercitivo che costringano Israele a porre completamente fine all'assedio imposto alla Striscia di Gaza da quattro anni, inclusa l'apertura di tutti i valichi e il passaggio delle merci e delle materie prime. Israele deve inoltre smettere di utilizzare la situazione politica interna della Striscia di Gaza come pretesto per continuare l'assedio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.