Cerimonia collettiva per 450 matrimoni.

Jabaliya – Infopal. Il movimento di Hamas ha organizzato giovedì sera una cerimonia di nozze collettiva per quattrocentocinquanta coppie di sposi nel campo profughi di Jabaliyya, nel nord della Striscia di Gaza. È la più grande cerimonia mai svoltasi nella regione.

I festeggiamenti hanno preso avvio dalla piazza della scuola di al-Fakhura, diventata famosa a livello internazionale per l’atroce massacro avvenuto durante la recente guerra israeliana contro Gaza, nel quale sono morti decine di civili palestinesi. Ci si è quindi trasferiti nel luogo previsto per l’evento, la zona di Shaykh Zayed City, vicino a Bayt Lahiya. Alla cerimonia hanno partecipato migliaia di cittadini palestinesi, giunti da tutte le aree occidentali della Striscia di Gaza.

Il dott. Mahmud az-Zahar, leader di spicco del movimento di Hamas, in un discorso tenuto durante la cerimonia, ha confermato che il popolo palestinese “celebrerà le proprie feste nonostante le molte vittime” cadute durante la guerra, e ha affermato che Hamas vuole riportare “il sorriso sulle labbra del popolo palestinese nella Striscia di Gaza”. 

Da parte sua, Ibrahim Salah, leader di Hamas nel nord della Striscia e presidente del comitato organizzatore della festa, ha dichiarato che il movimento regalerà ad ogni coppia 500 dollari come contributo alla loro vita matrimoniale, a dispetto delle circostanze negative in cui vive attualmente il popolo palestinese.

In base alle parole di Salah, a questi si aggiungerà il dono da parte di ognuno dei membri di Hamas del 5% dei rispettivi stipendi netti: “Un simile gesto – ha spiegato il leader – non è estraneo ai figli di Hamas, che hanno dato la vita stessa per la dignità di questo grande popolo”.

“Questa cerimonia – ha proseguito – riflette l'unità nazionale dei palestinesi, ed è la prima del suo genere in Palestina, includendo novecento sposi provenienti da tutti gli strati sociali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.