Chiese d'Oriente: bruciare il Corano, 'crimine contro gli insegnamenti di Gesù'.

Gerusalemme. L'arcivescovo di Gerusalemme Atallah Hanna ieri ha fatto gli auguri a tutti i musulmani in occasione di Eid al-Fitr, e ha espresso la speranza che il popolo palestinese si unisca e riconquisti i suoi diritti e la sua terra.

L'arcivescovo ha inoltre condannato, definendolo illegale e inumano, il proposito – ora smentito – di una piccola chiesa degli Usa, che progettava di dare fuoco ad alcune copie del Corano.

Anche il Concilio delle chiese del Medio Oriente aveva condannato il gesto, seppure rimasto a livello di parole, definendolo in una dichiarazione fatta giovedì un “crimine odioso contro gli insegnamenti di Gesù Cristo e tutti i valori della Chiesa”.

Bruciare il libro sacro dei musulmani, è stato ricordato, contravviene inoltre alle convenzioni internazionali dei diritti umani.

I cristiani, proseguiva la dichiarazione, “si uniranno ai nostri fratelli in tutte le chiese della Terra Santa e a tutti i nostri fratelli musulmani per opporsi alle conseguenze dei piani che pensatori estremisti e diplomati di scuole di odio e d'intolleranza cercheranno di mettere in pratica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.