Cisgiordania, 4 adolescenti uccisi in 24 ore.

I martiri di questo inizio primavera.
 
Mohammad Qadus, 16 anni: colpito a morte nell'area di Nablus il 20 marzo
Osayed Qadus, 19anni: colpito a morte nell'area di Nablus il 20 marzo
Salah Qawariq, 19 anni: colpito a morte nell'area di Nablus il 21 marzo
Mohammad Qawariq, 19 anni – colpito a morte nell'area di Nablus il 21 marzo

Cisgiordania: 4 adolescenti uccisi in 24 ore

Due palestinesi sono stati uccisi dai proiettili israeliani nel nord della Cisgiordania, vicino a Nablus.

Secondo le forze di sicurezza palestinesi, le vittime sarebbero Muhammad Faysal e Salah Muhammad Qawariq, entrambi agricoltori di 19 anni del villaggio di Awarta, freddati mentre trasportavano del diserbante ed alcuni attrezzi nei campi da lavorare.

L'esercito israeliano ha sostenuto che i due avrebbero tentato di accoltellare uno dei soldati di pattuglia nei pressi del checkpoint militare di Awarta: “In risposta le truppe hanno aperto il fuoco e centrato il bersaglio”, riferisce una portavoce militare al giornale Ma'an.

Testimoni sul campo affermano che i militari israeliani hanno dichiarato l'area “zona militare chiusa” e si sono spiegati nei villaggi palestinesi vicini. I soldati avrebbero anche chiuso l'accesso principale al villaggio di Madama.

Alcuni operatori della Mezzaluna Rossa riportano inoltre a Ma'an di essere stati informati dall'esercito dell'uccisione dei due palestinesi, e di essere stati chiamati a evacuare i loro corpi.

Muhammad e Salah sono rispettivamente la terza e la quarta vittima delle ultime 24 ore in Cisgiordania. Un adolescente è morto ieri mattina in seguito alle ferite riportate durante una manifestazione avvenuta il giorno prima, mentre un altro ragazzo è morto sotto i colpi d'arma da fuoco israeliani. Si tratta per la precisione di Muhammad Qadus, 16 anni, ferito al petto durante le proteste a Iraq Burin (provincia di Nablus), e Useid Qadus, coetaneo, colpito alla testa dagli spari delle truppe: fonti mediche.

Da parte sua, l'esercito israeliano ha dichiarato che i suoi uomini hanno aperto il fuoco seguendo strategie di dispersione anti-sommossa, e ha negato che si sia fatto uso di proiettili da guerra contro i due ragazzi.

Medici e difensori dei diritti umani hanno però smentito questa versione dei fatti sulla base di alcune prove fotografiche e  delle radiografie fatte sui due corpi, che dimostrerebbero l'utilizzo di proiettili non rivestiti in gomma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.