Cisgiordania: arrestati all’alba 8 palestinesi.


Cisgiordania – Infopal. Le forze d’occupazione israeliane hanno condotto oggi, fin dalle prime luci dell’alba, alcune incursioni e diverse campagne di arresti in città e villaggi sparsi della Cisgiordania. Almeno otto giovani sono stati fermati, in base a quanto riferito dal portavoce dell’esercito alla radio in lingua ebraica.

Fonti locali hanno specificato che i militari hanno condotto le loro ispezioni nelle province di Tulkarem, Hebron, Qalqilya, Gerico, Ramallah e Jenin, perquisito numerose abitazioni civili e seminato la devastazione dappertutto, prima di effettuare gli arresti e portare i ragazzi in località ignote.

A Ramallah, le incursioni hanno toccato i quartieri di al-Bira e Baytunia. Nel primo, le truppe hanno perquisito le case dei due fratelli ‘Imad e ‘Adel ‘Awd Allah e di Fuaz al-‘Ajluni, arrestando il figlio di quest’ultimo, ‘Abd al-Hakim al-‘Ajluni (22 anni), mentre a Baytunia è stato setacciato il palazzo al-Ikhlas, dove è stato ammanettato Sami Samir Sawalihi (20).

Nella provincia di Tulkarem, la stessa sorte è toccata a Muhammad Wael Mulahham (22, della cittadina di ‘Anabta) e a Muhammad Fakhri Khadar Khalaf (24, di Baqa ash-Sharqiyya). Irruzioni anche a Qalqilya, dove però non è stato segnalato nessun arresto.

Sono stati invece fermati, in provincia di Hebron, Muhammad Mahmud al-Jayawi (25) e ‘Ali Muhammad Ahmad al-Jayawi (22), dopo che numerose case del capoluogo erano state perquisite in modo accurato.

Va inoltre segnalata la seconda invasione della cittadina di Qabatiyya (provincia di Jenin) nel giro di due settimane: nella stessa mattinata di oggi, secondo le fonti, decine di soldati hanno occupato indisturbati le strade del centro durante le ore del pasto serale, sparando continue raffiche di colpi al solo scopo di terrorizzare gli abitanti. Non si sono avuti arresti.

Ad essere ferito da un proiettile israeliano è stato invece Jamal ‘Isa Daud (25), della cittadina di Yatta in provincia di Hebron, che è stato trasferito nell’ospedale pubblico dopo che dei colpi d’arma da fuoco l’hanno raggiunto alla mano. Al momento dell’incidente, Jamal stava camminando in una delle vie della cittadina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.