Cisgiordania, arrestati dall’Anp 36 sostenitori di Hamas

Cisgiordania – Infopal. Il movimento di resistenza islamica ha dichiarato in un comunicato stampa, di cui il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto una copia, che le forze di sicurezza palestinesi dell’Anp di Ramallah proseguono con la campagna di arresti dei sostenitori e dei membri di Hamas in Cisgiordania, e ha confermato l’arresto di 36 di loro durante la settimana scorsa, malgrado gli sforzi fatti per creare l’atmosfera favorevole al dialogo nazionale palestinese.

Nella provincia di Nablus, le forze di sicurezza hanno arrestato: Aktham Elewi di Zawata e gli ex due detenuti Fares e Jihad an-Natur, e hanno interrogato l’ex detenuto Hakim as-Salihi, a solo due giorni dal suo rilascio dalle prigioni dell’occupazione.

Nella provincia di Qalqilyah, sono stati arrestati Ammar Samman, Mohammad Qaraqe‘, ‘Alaa Fakhri Shamasneh di Jayyus, e Shaikh Mahmud Ju‘aydi, imam della moschea Ibn Taimiyah, al suo terzo arresto.

Nella provincia di Tubas, le forze di sicurezza hanno arrestato: Shaikh Ahmad Sawalmah, direttore del campo profughi al-Fare‘a; Ibrahim Abd ar-Razaq, della cittadina di Tayasir; Ahmad Taher al-Masri e Basel Ghanam (quest’ultimo per la quarta volta), entrambi di ‘Aqaaba; il prof. Yusef Bani ‘Odeh di Tammun, pochi giorni dopo la sua liberazione dalle prigioni israeliane; Hajj Ahmad Abu ‘Erra (62 anni), rinchiuso in una cella d’isolamento per diverse ore.

Nella provincia di Ramallah, le forze di sicurezza hanno arrestato i due fratelli Saher e Shaher Shelesh di Shiqba, a ovest della città di Ramallah, e Abd ar-Rahman Shelesh, studente all’università di Beer Zait, dopo aver fatto irruzione in casa sua.

Nella provincia di Tulkarem, le forze di sicurezza hanno arrestato Ahmad Abu Zenah, Hazem an-Nuri, Fadi Samara, Samer Ghanem, ‘Ali Tamam, Abd an-Naser Qittawi, Mahmud Fahmi ‘Odeh (studente delle superiori della città di Sayda), Murad Shihab, ‘Ali as-Sami, Walid Sa‘ada e gli ex detenuti ‘Adnan al-Husari e ‘Imad Ebder.

Nella provincia di Hebron, hanno subito l’arresto Mujahed Abu Jehesha, figlio dell’on. Mohammad Abu Jehesha (rinchiuso attualmente nelle prigioni israeliane), Qasem Amr Ihdush, Mohammad Isma‘il Ghnemat, Nidal Mawazneh, Mahdi Abu Snenah (studente dell’Università Aperta di Gerusalemme), l’ex detenuto Mohammad Kamel Qtayl, ‘Awad ar-Rajub di Dura, impiegato nel Ministero per gli Affari Religiosi, e Shaikh Taysir Raba’, cassiere dell’Associazione Islamica per la protezione degli orfani di Yatta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.