Cisgiordania: Organizzazione della Resistenza armata palestinese nei campi profughi dopo le incursioni israeliane

Tulkarem-Middleeasteye.net. Di Leila Warah. (Da InvictaPalestina.org). Nur Shams a Tulkarem è l’ultimo campo profughi a formare brigate mentre le incursioni israeliane diventano una caratteristica regolare nella vita dei palestinesi.

Una manciata di giovani uomini, tre imbracciando armi, stazionavano fuori da un supermercato. Osservando con attenzione chiunque entrasse nel campo profughi, in guardia da forze israeliane sotto copertura che avrebbero potuto invadere in qualsiasi momento.

La scena potrebbe facilmente essere scambiata per quella di Jenin o Nablus, due città palestinesi nel Nord della Cisgiordania occupata che hanno ricevuto l’attenzione internazionale per la loro Resistenza armata contro l’Occupazione israeliana.

I giovani vengono dal Nord, non sono né di Jenin né di Nablus. Provengono dal campo profughi di Nur Shams a Tulkarem, più a Ovest, e sono membri di un gruppo di Resistenza armata appena formato nella zona.

In un vicolo del campo, il ventiquattrenne comandante delle Brigate Tulkarem, Mohammad, ha detto di credere che l’Occupazione israeliana non abbia lasciato ai giovani della Cisgiordania altra scelta che rivolgersi alla Resistenza armata.

“Gli occupanti israeliani sono i nemici di Dio, e quindi combattiamo per riavere la nostra terra nel nome di Dio”, ha detto. “Il nostro problema non è che sono ebrei, è che stanno occupando la nostra terra.

“Se vengono da noi con la violenza, la nostra unica opzione è rispondere con la violenza. L’Occupazione non lascia spazio per trattative, solo alle armi”.

“Una dura realtà e un oscuro futuro”.

Le Brigate Tulkarem sono nate a febbraio e sono guidate dalle Brigate Al-Quds, l’ala militare del movimento della Jihad Islamica.

Sono composte da 15 combattenti del campo di Nur Shams di età compresa tra i 16 e i 25 anni impegnati a “difendersi” dall’Occupazione militare israeliana attraverso la Resistenza armata.

“Siamo all’inizio della Resistenza. Tutto ciò che è accaduto è solo l’inizio. Nuove generazioni stanno arrivando, e saranno i fautori della propria libertà”, ha detto Mohammed.

La gente del posto dice che il campo profughi di Nur Shams subisce incursioni militari israeliane quasi quotidiane, comprese cinque operazioni su larga scala quest’anno.

Il campo profughi di Nur Shams, a 3 km da Tulkarem (MEE/Leila Warah)

“Questa generazione è nata in una dura realtà e con un oscuro futuro. Ogni giorno l’Occupazione fa irruzione nel campo e arresta i loro padri. Uccidono i loro amici e distruggono tutto”, ha detto Ibrahim Al-Nimr, 51 anni, un attivista che lavora per la Società Palestinese dei Prigionieri.

Il gruppo ha istituito posti di blocco a tutti gli ingressi del campo e li tiene chiusi da mezzanotte a mezzogiorno per contrastare le frequenti incursioni ed individuare gli agenti israeliani sotto copertura.

Niya Jundi, residente a Nur Shams, ha affermato che la comunità “incoraggia gli sforzi di questa giovane e resiliente generazione che mira a vivere in un Paese libero”.

“Naturalmente ci sono degli svantaggi nella Resistenza. Rende più difficile il nostro accesso ai servizi, ma è nostro diritto portare armi finché non saremo liberi dall’Occupazione”.

Una rete di Resistenza armata.

La gente del posto dice che l’istituzione delle Brigate Tulkarem è stata stimolata dal “martirio” di Saif Abu Libda, residente a Nur Shams.

Nato e cresciuto nel campo, Abu Libda si unì alla Brigata Jenin e sperava di portare un giorno la Resistenza armata nel suo campo di Nur Shams, che avrebbe completato il “Triangolo di Resistenza” settentrionale tra Jenin, Nablus e Tulkarem.

Le forze israeliane gli tesero un’imboscata uccidendolo assieme a Saeb Abahra, 30 anni, e Khalil Tawalbeh, 24 anni, mentre transitavano in auto a Jenin il 2 aprile 2022. Tutti e tre erano membri delle Brigate Al-Quds, ma secondo quanto riferito non avevano ingaggiato scontri armati quel giorno.

“Tutti i gruppi di Resistenza in Cisgiordania sono in contatto tra loro. Abbiamo tutti lo stesso obiettivo”, ha detto Mohammed.

Jamal Huweil, professore di scienze politiche e relazioni internazionali presso l’Università Araba Americana di Jenin, ha affermato che, come Abu Libda, persone provenienti da tutta la Cisgiordania, tra cui Tubas, Nablus, Balata e Hebron, sono andate a Jenin per addestrarsi alle armi e alla lotta.

Con l’aumento della Resistenza armata in Cisgiordania, Israele ha avviato ufficialmente l’Operazione Spezza l’Onda (Break the Wave) nel marzo 2022, attuando incursioni militari quasi quotidiane in tutta la Cisgiordania e un’intensificazione della politica israeliana dello sparare per uccidere, con conseguenti arresti di massa e l’anno che diventò il più mortale per i palestinesi nei Territori Occupati dalla Seconda Intifada due decenni fa.

Huweil crede che Israele abbia dato il nome all’Operazione dopo Jenin, dove è iniziata l’”Onda”.

“Israele considera il campo profughi di Jenin come un’incubatrice della Resistenza. L’Onda continua e ha raggiunto Nablus, il campo profughi di Nur Shams a Tulkarem e il campo profughi di Aqbat Jabir a Gerico. Jenin è la fonte della Resistenza palestinese e, a sua volta, un problema per Israele”, ha detto.

Anche con la crescita della Resistenza armata, Huweil ha sottolineato che le dinamiche di potere tra l’esercito israeliano, uno dei migliori del mondo, e i giovani combattenti sono altamente sproporzionate.

“Non c’è paragone quando hanno elicotteri Apache, aerei d’osservazione e unità speciali contro un gruppo di combattenti con lo stretto necessario”, ha detto.

Mentre la Resistenza armata palestinese si espande, i vertici israeliani hanno lanciato l’”Operazione Scudo Difensivo 2″, riferendosi a un’invasione militare su larga scala della Cisgiordania nel 2002 durante la Seconda Intifada.

“Ci sono discussioni interne sul fatto che Israele debba espandere le proprie operazioni, ma ho il sospetto che, se andranno avanti, la Resistenza diventerà solo più forte e più tenace”, ha detto Huweil.

Coordinamento della sicurezza palestinese-israeliano.

Funzionari palestinesi e israeliani si sono incontrati due volte quest’anno, ad Aqabat, in Giordania e a Sharm el Sheikh, in Egitto, per discutere dell’economia palestinese, ridurre la violenza e il ruolo dell’Autorità Palestinese nello scioglimento della Resistenza armata in Cisgiordania .

Tuttavia, molti palestinesi sono delusi dai colloqui di pace e dalla diplomazia tra funzionari e disprezzano il coordinamento della sicurezza dell’Autorità Palestinese con Israele per sopprimere la Resistenza armata, che ha causato l’aumento delle tensioni in luoghi come Nur Shams.

“Il Presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas non crede nella Resistenza armata. Si incontra con i politici israeliani per discutere le misure di sicurezza e l’economia perché questi sono fattori che inducono le persone a sovvertire”, ha detto Huweil. “Hanno paura che l’Onda del campo di Jenin si diffonda e raggiunga tutta la Cisgiordania, Gaza e il Libano”.

Mohammed ha aggiunto “che i negoziati politici non risolvono nulla. Ci abbiamo provato e si sono conclusi con un fallimento. L’unico modo per riavere la nostra libertà è con la forza”.

“Nonostante l’Autorità Palestinese faccia pressione sulla Resistenza armata qui, cercando di offrire agli affiliati denaro per deporre le armi e unirsi alla polizia, non farà differenza”, ha detto.

“L’esercito israeliano non segue regole internazionali, non segue alcuna regola”.

Traduzione di Beniamino Rocchetto per Invictapalestina.org.

(Foto: membri anonimi della brigata Tulkarem nel campo profughi di Nur Shams-MEE/Leila Warah).