Cisgiordania, palestinesi picchiati e feriti negli scontri con le forze d’occupazione

Cisgiordania – Agenzie. Ieri sono esplosi violenti scontri tra giovani palestinesi e le guardie di frontiera israeliane in varie località della Cisgiordania occupata.

Quattro palestinesi residenti nel quartiere gerosolimitano di Shaykh Jarrah (al-Quds/Gerusalemme) sono stati raggiunti dai proiettili sparati dalle guardie israeliane.

Altri violenti scontri sono stati riportati a Silwan. Subito dopo l'orario della preghiera, unità speciali delle forze d'occupazione israeliane hanno assaltato una tenda allestita nel quartiere di al-Bustan.
I ragazzi palestinesi hanno reagito con il lancio di pietre e gli israeliani hanno lanciato gas lacrimogeni ferendone numerosi.

E sempre cittadini palestinesi sono stati picchiati e feriti ad al-Khalil (Hebron), mentre si dirigevano a Beit Amer.
Mohammed 'Odah, portavoce del Comitato nazionale contro il Muro d'Apartheid, ha riferito del ferimento di Ma'zuz Ibrahim 'Odah, di 17 anni, e di Mohammed Ahmed Mustafa 'Odah, di 25. Entrambi sono stati percossi dai militari israeliani: il primo è stato poi raggiunto da un proiettile e il secondo è rimasto intossicato dall'inalazione dei gas lacrimogeni.

Da circa un mese, le forze d'occupazione israeliane continuano a mantenere serrati gli ingressi di Beit Amer, a nord di Hebron, sottoponendo la cittadinanza palestinese a gravi forme di umiliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.