Cisgiordania, raid notturni israeliani. Sequestrati 12 palestinesi.

Cisgiordania. Israele afferma che durante raid notturni effettuati stanotte in Cisgiordania, sono stati arrestati dodici palestinesi: sette nell’area di Nablus, due in quella di al-Khalil (Hebron) e tre in quella di Ramallah. 

In casa di uno degli arrestati, tutti “ricercati”, sarebbe stata trovata una pistola.

Gli arrestati a Nablus sono Thaer Walid Najim, di 28 anni, suo fratello Mujahid, di 19, e Imad. Poi, Muhammad Minni, di 20 anni, Mahdi Salim, di 25, Raji Salim, di 20, e Mujahid Qutub, di 23 anni.

I militari israeliani affermano inoltre di aver arrestato tre palestinesi, fermati domenica ad un check point a Nablus perché avevano con sé tre bombe e un coltello, ma non è chiaro se i tre fanno parte dell’elenco dei dodici summenzionati.

Venerdì un palestinese è morto mentre veniva condotto in ospedale a seguito di un colpo d’arma da fuoco sparatogli da militari israeliani ad al-Khalil (Hebron): l’esercito afferma che egli aveva tentato di accoltellare un militare israeliano nella città vecchia.

Mercoledì, vicino a Nablus, un militare israeliano è stato ammazzato con un colpo di pugnale. L’esercito israeliano ha arrestato un palestinese, sospettato dell’attacco, rivendicato dall’ala militare di Fatah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.