Cisgiordania, tre settimane di attacchi da parte di ebrei fondamentalisti

Cisgiordania – InfoPal. Nelle ultime tre settimane, gang di coloni israeliani hanno eseguito diversi attacchi contro moschee e chiese palestinesi sia in Cisgiordania sia in Israele (Territori occupati del 1948)

I coloni hanno imbrattato i muri dei luoghi di preghiera musulmani e cristiani con scritte razziste e “Price tag”, uno slogan che richiede alla popolazione palestinese di “pagare un prezzo” tutte le volte che un insediamento coloniale viene rimosso dalle autorità israeliane.

Il 12 dicembre scorso, un gruppo di studenti ebrei fondamentalisti, appartenenti alla “Mercaz Harav Yeshiva” di Gerusalemme, organizzò un giro in autobus in Cisgiordania, diretto a una base militare israeliana: l'obiettivo era protestare contro l'evacuazione di un insediamento illegale. 

Gli studenti bruciarono pneumatici davanti alla base, intonando slogan del tipo “gli ebrei non espellono altri ebrei”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.