Cisgiordania, un week-end di violenze israeliane contro la popolazione palestinese.

Cisgiordania – Infopal

In Cisgiordania, il fine-settimana appena trascorso è stato contrassegnato da numerose aggressioni da parte dei coloni e dell’esercito israeliano.

Coloni attaccano ambulanza a Betlemme

Sabato, alcuni medici sono stati aggrediti nei pressi dell’insediamento israeliano di Nokdeim, a est di Betlemme. Un gruppo di coloni ha malmenato i membri di un’ambulanza del Red Crescent usando bastoni e calci di fucile. 

Muhammad Abu Ajamiyya e Samir Abu Sarah sono stati ricoverati nell’ospedale d Beit Jala a causa delle ferite.

L’ambulanza in cui i due si trovavano stava trasportando un paziente sulla strada vicino all’insediamento di Nekodim, quando è stata fermata a un posto di blocco militare. I soldati hanno imposto al personale medico di seguire un’auto civile, che li ha portati dentro un insediamento, dove sono stati attaccati da sette coloni. L’ambulanza è stata distrutta.

Ferito un ragazzino a Hebron

Un gruppo di coloni provenienti dall’insediamento di Kiryat Arba, a Hebron, ha accoltellato alla schiena un ragazzino di 15 anni, Muhammad Asila.

Testimoni locali hanno raccontato che 5 coloni hanno attaccato l’adolescente mentre passava vicino alla colonia, lo hanno picchiato e accoltellato.

Asila è stato ricoverato all’ospedale di Al-Ahli.

Attacchi dell’esercito israeliano.

Le forze di occupazione israeliane hanno assaltato alcune aree residenziali della Cisgiordania.

La città vecchia di Qabatiya è stata invasa da 8 veicoli militari. I soldati hanno assaltato le strade e occupato le case, posizionandosi sui tetti.

Nella valle di Al-Far’a, nel nord della Cisgiordania, i soldati israeliani hanno lanciato bombe a gas dentro la moschea di Al-Isra, durante il momento della preghiera.

A Marda, vicina a Selfit, ieri mattina all’alba, una cinquantina di truppe israeliane hanno invaso un edificio residenziale, trasformandolo in torre di guardia. Gli inquilini della casa sono stati rinchiusi in una stanza.

Ne è nato un scontro armato tra la popolazione locale e i soldati, che hanno dovuto ritirarsi, non prima di aver lanciato bombe sonore per cercare di disperdere la folla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.