Cisgiordania, vasta operazione di 'sequestro' di denaro palestinese: assaltate numerose agenzie di cambio.

Cisgiordania – Infopal

Nelle prime ore di questa mattina, le forze di occupazione israeliane hanno effettuato un’operazione di sequestri di persone e di denaro senza precedenti. Bersaglio delle truppe di Israele sono state le agenzie palestinesi di cambio delle città di Ramallah, Hebron, Nablus, Jenin e Tulkarem. Sono stati rubati soldi, mobili e apparecchiature, con il pretesto della guerra contro le fonti di finanziamento appartenenti alle fazioni palestinesi.

Nella provincia di Hebron, le forze di occupazione hanno invaso più di dieci agenzie, in particolare, le filiali dell’associazione Abdin; ne hanno chiuso la sede principale sita nel piazzale al-Manara, al centro della città. Hanno invaso le agenzie di Wazuz, Ezrail, cinque filiali di an-Natshah, e diverse di Abdin -Internazionale.
Le forze di occupazione hanno costretto ai proprietari ad aprire i loro negozi, e poi hanno rubato computer, soldi, documenti, e arrestato un dipendente, Mohammad Abdin.

Isham Abdin, proprietario dell’agenzia Abdin-Internazionale ha riferito al corrispondente di Infopal.it, che "a mezzanotte, una forza israeliana ha invaso la mia casa. L’ha perquisita e ha rubato il denaro che è riuscita a trovare, oltre al mio computer".
E ha aggiunto: "Mi hanno ordinato di prendere le chiavi del negozio e mi hanno ingiunto di andare ad aprirlo. Una volta entrati, hanno sequestrato tutti i soldi in contanti, i documenti, e tutti i computer".

Non si conosce ancora la somma totale di denaro e gli assegni "sequestrati" dai militari israeliani alle agenzie di cambio.  

Anche nella città di Ramallah, le forze di occupazione hanno invaso molte agenzie, rubando centinaia di migliaia di shekel, e hanno arrestato una personalità del mondo della finanza palestinese: Khaled Mohammad al-Hawari. I soldati hanno sequestrato il suo personal computer e 12 mila shekel, e lo hanno arrestato.

Nella città di Nablus, le forze di occupazione hanno arrestato il finanziere Othman Khader Abu as-Saud, di Rafidia, hanno invaso la sua agenzia e quelle di altri cittadini.

Le forze di occupazione hanno invaso la cittadina di Huwwarah, a sud della città di Nablus, e hanno arrestato Tael al-Hawari (47 anni), proprietario di un’agenzia di cambiavalute, e suo fratello Khaled (44 anni), anche lui nel settore finanziario.

Le forze di occupazione sono penetrate anche nel campo profughi di Balata, a est della città di Nablus, e hanno arrestato tre giovani: Mohammad Amin Abu Hamada (21 anni), Bakr Hasan Abu Hamada (20 anni) e Mohammad Hamed at-Thalugi (23 anni).

Nella città di Jenin, l’esercito di occupazione israeliano ha invaso le abitazioni di Ibrahim Nassar, proprietario delle agenzie Nassar, e di Mohammad as-Sadi. A entrambi hanno sequestrato grandi somme di denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.