Cittadini ordinari e malati, bambini e politici, docenti e giornalisti: Palestinesi, una società sequestrata

Ramallah – InfoPal. Statistiche settimanali rivelano che, la settimana scorsa, Israele ha arrestato in varie città e villaggi della Cisgiordania occupata 75 cittadini palestinesi. Tra di essi anche alcuni giornalisti rilasciati da poco dagli apparati di sicurezza dell’Autorità palestinese (Anp).

Diciotto palestinese sono stati arrestati ad al-Khalil (Hebron), 12 ad al-Quds (Gerusalemme), 17 a Nablus, 11 a Jenin e 9 a Betlemme, 3 a Ramallah e Ariha (Gerico), 2 a Tubas.

Tra i giornalisti, è stato arrestato anche Ola Hussain ar-Rajoub, 23enne di Hebron.

Dieci i minorenni palestinesi tra i 9 e i 17 anni arrestati da Israele la settimana scorsa, ma si vedrà che il dato sugli arresti ai danni dei minori va ben oltre.

Nella seconda metà di novembre, infatti, Israele ha arrestato 23 ragazzini palestinesi.
I bambini palestinesi costituiscono il 48.2% della società dei Territori occupati, e sono 2milioni coloro che hanno meno di 18 anni d’età.

Il Dipartimento per l’informazione sull’Infanzia del ministero dell’Informazione di Ramallah ha fornito i dati sugli arresti di minori nelle ultime due settimane di novembre.

“Continuano pratiche e arresti illegali da parte israeliana, nonostante i numerosi richiami a rispettare i diritti umani e dell’infanzia.

I bambini palestinesi vengono sequestrati dai soldati israeliani nel corso di operazioni di assalti e raid contro le loro case, nel corso della notte sono costretti alla rigidità delle temperature esterne, vengono picchiati e poi allontanati dalle rispettive famiglie con l’arresto.

Decisioni giudiziare nel periodo di riferimento. Nel periodo di riferimento, la corte militare di Salem ha condannato a 5 ergastoli il 19enne palestinese Amjad Awad, accusato di aver preso parte all’assassinio della famiglia di coloni israeliani Fogel, nell’insediamento di Itamar.

Dieci i detenuti la cui detenzione amministrativa è stata estesa. Tra di essi, anche 3 deputati, un ex ministro e un docente palestinese.

Inoltre, è stata prorogata di altri 6 mesi, la detenzione amministrativa dei due deputati Na’if ar-Rujoub (Hebron) e ‘Abdelrahman az-Zeidan (Jenin), dell‘ex ministo per gli Affari dei Prigionieri, Wasfi al-Qibha, e dell’ex deputato di Fatah, Hussam Khader. E’ stata estesa di altri 5 mesi, la detenzione del docente palestinese Ghassan Douqan (Nablus).

Anche la detenzione del deputato Ahmed ‘Atoun (minacciato di espulsione da Gerusalemme) è stata estesa insieme a quella di Bushra at-Tawil, figlia di Jamal, leader di Hamas e sindaco di al-Bire.

Ieri sera sono stati arrestati a Nablus i tre 15enni Anas, Habib e Anas ‘Oweis.

Nei dati, si include poi l’episodio ai danni di Ahmed Khamis ‘Akila, 26enne del campo profughi di ash-Shati’, nella Striscia di Gaza.

A metà settimana, Ahmed avrebbe dovuto recarsi in un ospedale a Gerusalemme per curarsi. I soldati israeliani lo hanno fermato presso il valico di Beit Hanoun e lo hanno arrestato portandolo nella prigione di ‘Ashqelon.

Elisa Gennaro

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.