Coloni appiccano il fuoco ad alcune proprietà palestinesi

Cisgiordania – InfoPal. Nella serata di ieri, martedì 20 settembre, le squadre dei vigili del fuoco e della  protezione civile palestinesi hanno annunciato di essere riusciti a spegnere un incendio divampato all'interno del giardino di un palestinese residente nel villaggio di Asira di Qalqiliya, a sud della città di Nablus, provocato dall'aggressione dei coloni israeliani. 

Un comunicato stampa della protezione civile specifica che “le squadre di soccorso sono riuscite a domare l'incendio ed evitare che si estendesse all'interno della casa dopo essere divampato nel giardino a seguito del lancio di una bomba a gas”. 

Il comunicato afferma anche che le aggressioni hanno provocato il ferimento del giornalista Ayman al-Nubani, colpito al petto da una pietra, e che anche un adolescente di nome Aref Mohammad Aref è stato raggiunto alla schiena da una bomba a gas.

Le squadre della protezione civile hanno lavorato per evacuare i feriti, fornire i primi soccorsi e consegnarli alle ambulanze della Mezzaluna Rossa palestinese.ù

Decine di coloni hanno fatto irruzione nel villaggio dal lato est e hanno cercato di aggredire le famiglie palestinesi, ma gli abitanti li hanno affrontati costringendoli al ritiro.

Il comunicato afferma che “le squadre di protezione civile nella citta di Qalqiliya, nel nord della Cisgiordania occupata, sono riuscite a spegnere le fiamme divampate ed estese su un terreno agricolo di 90 ettari, che hanno bruciato 400 alberi d'ulivo. 

Le squadre sono riuscite ad isolare gli alberi bruciati ed evitare che le fiamme si estendessero ad altri alberi, riuscendo a salvare 300 ettari di terra”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.