Coloni della città di Hebron incendiano una moschea e impediscono ai vigili del fuoco di domare le fiamme

Testimoni oculari palestinesi hanno dichiarato che, all’alba di oggi, alcuni coloni israeliani hanno dato fuoco a una moschea nel quartiere “Assalla”, nelle zona vecchia della città di Hebron, impedendo poi ai vigili del fuoco di spegnerlo.

I testimoni aggiungono inoltre che i coloni hanno appiccato il fuoco alla moschea e, successivamente, hanno cominciato a gridare e tirare sassi ai pompieri impedendo a quest’ultimi di estinguere l’incendio. I vigili del fuoco hanno richiesto l’intervento delle forze armate israeliane, affinché interrompessero questi atti di vandalismo contro la moschea, cosi da poter estinguere e domare le fiamme.

Fonti palestinesi nella città di Hebron hanno dichiarato di “aver ricevuto comunicazioni  telefoniche da parte degli israeliani, in cui chiedono di spegnere il fuoco che si è propagato nella moschea”.
Le fonti hanno aggiunto che al loro arrivo sul posto, insieme ai vigili del fuoco, sono rimasti sorpresi dalle decine di coloni che stavano distruggendo la moschea e tiravano sassi nella loro direzione.
Essi hanno confermato che le azioni provocatrici dei coloni e la noncuranza dell’esercito che non assolve al suo compito,  hanno ostacolato l’estinzione dell’incendio che si è propagato nella moschea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.