Coloni ebrei aggrediscono donne e bambini palestinesi.

Il Salone del Libro di Torino, edizione 2008, avrà Israele come ospite d’onore

Hebron – Infopal

Sabato sera, a Hebron, in Cisgiordania, una banda di coloni armati provenienti dall’insediamento illegale di Kiryat Arba ha aggredito con sassi e bastoni alcune mamme e bambini palestinesi e un volontario, Isa Amr, di B’Tselem, un’organizzazione israeliana per la difesa dei diritti umani, che li stava accompagnando.

I feriti hanno potuto recarsi in ospedale solo dopo diverse ore dall’aggressione, perché i militari israeliani, che in genere cooperano con i feroci coloni, hanno chiuso la zona e impedito alle ambulanze di soccorrere i feriti.

Al posto dei malviventi è stato arrestato il volontario di B’Tselem.

La situazione di occupazione a Hebron è molto dura: i coloni che da anni si sono insediati in terreni e case appartenenti ai palestinesi, fanno scorribande continue, quando non vere e proprie stragi. Ricordiamo l’eccidio avvenuto all’inizio del 1994 nella moschea di Ibrahim: un terrorista ebreo fondamentalista massacrò 27 cittadini palestinesi, tra cui anziani e bambini, che stavano pregando. L’assassino finì ucciso dalla folla, ma come conseguenza dell’efferato atto criminale, metà della storica moschea fu assegnata agli israeliani e trasformata in sinagoga. Il gesto terroristico fu dunque premiato.

Altre info: www.youtube.com/watch?v=jhvE1YkbdPU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.