Coloni israeliani assaltano una moschea a Salfit. Incediano auto e lasciano scritte razziste

Salfit – InfoPal. Un gruppo di coloni israeliani ha attaccato all'alba di oggi la moschea del villaggio palestinese di Bourqin (Salfit).

Stando al resoconto di testimoni oculari “I coloni israeliani sono giunti dal vicino insediamento di Ariel, costruito su territorio palestinese, hanno preso d'assalto la moschea 'Ali bin Abi Taleb, hanno dato fuoco all'ingresso dell'edificio, lasciando sulle pareti scritte razziste in lingua ebraica”.

'Akram Samarah, dal consiglio di villaggio, ha aggiunto alla testimonianza quanto segue: “I coloni hanno poi incendiato automobili palestinesi parcheggiate intorno alla moschea. Immediatamente, i residenti sono accorsi a spegnere le fiamme sui veicoli”.

Nel corso della mattinata, militari israeliani e ufficiali della sicurezza palestinese sono giunti sul posto per indagare.

Non troppo tempo fa, le forze d'occupazione israeliane avevano consegnato alle autorità di villaggio un'ordinanza nella quale si chiedeva di fermare la costruzione della moschea 'Ali bin Abi Taleb, minacciandone la demolizione.

Shaykh Mohammed Hussain, Muftì di al-Quds (Gerusalemme) e della Palestina, ha commentato l'accaduto puntando il dito contro i coloni israeliani, ma anche contro organizzazioni e istituzioni governative che sono dietro la “campagna di aggressione contro proprietà, compresi luoghi di preghiera, e cittadini palestinesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.