Coloni: no alle trattative, per rispondere al boicottaggio

Gerusalemme. I gruppi coloniali israeliani hanno chiesto al loro governo d'interrompere le trattative indirette con i palestinesi in risposta alla campagna di boicottaggio delle colonie, partita ieri in Cisgiordania.

 

La campagna, chiamata “Porta-a-porta”, è stata lanciata dal fondo del Palestinian national pride. Centinaia di uomini e donne palestinesi hanno cominciato di prima mattina a girare di casa in casa in tutte le comunità palestinesi della Cisgiordania, per sensibilizzare sulla questione dei prodotti delle colonie e incoraggiare le persone a non acquistarli. La campagna è stata promossa dal primo ministro Salam Fayyad e dal presidente Mahmud Abbas.

 

A beneficiare maggiormente della campagna saranno i contadini palestinesi, i prodotti caseari locali e l'industria delle bevande analcoliche.

 

Secondo i dati ufficiali, infatti, i palestinesi consumano in tutto 500 milioni all'anno di dollari di prodotti coloniali, che variano dalle noci ai materiali da costruzione.

 

Mohamed Lutfi, uno degli organizzatori della campagna, ha descritto al Pnn in che cosa consiste: “Visiteremo ogni casa, parleremo alle persone degli effetti negativi dei prodotti coloniali e di come boicottarli, forniremo una lista di prodotti e ogni casa reciterà la dichiarazione d'Orgoglio, che afferma che noi, in quanto palestinesi, combattiamo le merci delle colonie. Quindi incolleremo in ogni abitazione un adesivo che testimonia che la casa è libera dai prodotti coloniali.”

 

La legge che proibisce la vendita di articoli provenienti dagli insediamenti ebraici abusivi in Cisgiordania è stata varata il mese scorso dal presidente palestinese Mahmud Abbas. Con la nuova legge, chiunque venda simili merci rischia fino a sette anni di prigione, o una multa di più di 10.000 €.

 

La campagna ha fatto infuriare i coloni. Il consiglio coloniale di Giudea e Samaria l'ha definita un atto di “terrorismo economico”, ed è stato chiesto al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu d'interrompere i negoziati mediati dagli Usa.

 

“Non c'importa dei commenti di quei colonizzatori – ha dichiarato al Pnn Ghassan al-Khatib, direttore dell'Ufficio stampa del governo palestinese, – hanno rubato la nostra terra e le nostre risorse naturali. Siamo convinti che le colonie costruite sulle nostre terre siano illegali, e che i coloni dovranno prima o poi evacuare gli insediamenti: in origine, il processo di pace era basato proprio sulla fine dell'occupazione e sulla rimozione delle colonie.”

 

Le trattative indirette sono partite la settimana scorsa, ma hanno incontrato degli ostacoli dopo soltanto un giorno a causa delle politiche governative lanciate da Israele in vista della prossima espansione coloniale. La loro ripresa è prevista entro questa settimana.

 

Sono 500.000 i coloni che vivono attualmente nei centri ebraici della Cisgiordania e di Gerusalemme est. Secondo la legge internazionale, tutte i loro insediamenti sono abusivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.