Colonizzazione della Palestina: migliaia di unità abitative israeliane approvate. Altre 50mila entro il 2020

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il ministro dell’Interno israeliano Eli Yishai mercoledì ha approvato il piano per la costruzione di 1.600 unità abitative a Gerusalemme Est.

Sul quotidiano israeliano “Yediot Ahronot” si legge: “1.600 unità abitative saranno costruite a Ramat Shlomo (nord est di Gerusalemme)”.

Le prossime da sottoporre a ratifica finale saranno 700 costruzioni che andranno ad ampliare Pisgat Ze’ev; altre 2.000 unità abitative a Givat Hamatos, anche queste a Gerusalemme, e 930 a Abu Ghneim, tra Gerusalemme e Betlemme.

Fonti interne al ministero hanno poi fatto sapere di essere prossime alla ratifica del piano per la costruzione di 7mila unità abitative nella città di Haifa, a nord dei Territori palestinesi occupati nel 1948, e nessun mistero sul fatto che “l’intenzione di Israele è edificare ovunque nel paese”.

La notizia così come riportata dalla stessa fonte viene commentata come segue: “Queste sono manovre funzionali a far fronte alla crisi degli alloggi e il ministro dell’Interno di Israele sostiene che gli insediamenti siano la soluzione più efficace per rispondere alle protese”.

Fonti dell’Autorità palestinese (Anp) e il consigliere legale Ahmed ar-Ruwaidi hanno aggiunto altre cifre: “Ieri, è stato approvato un piano per la costruzione di 4.300 unità abitative a Gerusalemme. Negli ultimi giorni ne sono state approvate 8mila e le autorità d’occupazione israeliane hanno annunciato di volerne edificare 50mila entro il 2020″.

Nel mese in corso, solo a Gerusalemme sono stati ratificati piani per costruire 7.900 unità abitative.

“In tal modo, Israele intende scoraggiare la volontà palestinese di chiedere il riconoscimento del proprio Stato alla comunità internazionale, e vuole creare uno stato de facto sul campo fino trascinare nel caos totale la popolazione occupata”.

“Il piano israeliano è la presa totale del territorio e la cacciata dei palestinesi, non a caso questi progetti vanno di pari passo con l’annientamento della loro presenza nei quartieri gerosolimitani di al-Bustan e Silwan”.

“Le costruzioni israeliane su terra palestinese sono ‘crimini di guerra’, poiché Gerusalemme è una città sotto occupazione e le Nazioni Unite e gli stati firmatari della Convenzione di Ginevra devono assumersene la responsabilità, intervenendo per fermare Israele. Anche la Lega Araba e le nazioni del mondo islamico sono qui esortate ad agire”.

Elisa Gennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.